Libertadores al Bernabeu, in Spagna riparte la polemica: stavolta il Real…non ristruttura i bagni?

Il Real Madrid ha messo il proprio stadio a disposizione della CONMEBOL per ospitare la finale di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors. Ma nel 2012, con una scusa, le merengues avevano negato il campo alla finale di Copa del Rey del Barça…

di Redazione Il Posticipo

C’è chi non vede l’ora e chi, come Diego Armando Maradona, spera invece che venga fatto ricorso. Ma alla fine, la finale di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors, verrà disputata a Madrid. La data prevista per l’incontro è il 9 dicembre e i tifosi argentini saranno tutti alle prese con la rottura del salvadanaio per fare un biglietto per la capitale spagnola. Certo, come ha detto el Pibe de Oro, non sono tutti così ricchi da potersi permettere un viaggio in Spagna. In ogni caso le polemiche non si fermano in Argentina ma proliferano anche nella capitale iberica: a Madrid si riparla del ‘Watergate’. Anzi, del “Vatergate”.

VATERGATE – Così la cronaca sportiva spagnola aveva rinominato il rifiuto da parte del Real Madrid di mettere a disposizione il proprio stadio per disputare la finale di Copa del Rey del 2012 tra Barcellona e Athletic Bilbao. La scusa usata dalle merengues per la mancata ospitalità sembra quella che tutti inventerebbero per non far entrare in casa un’ipotetica suocera: “stiamo ristrutturando il bagno”. Il fatto divertente è che il Real aveva mentito spudoratamente sui lavori ed El Mundo Deportivo era riuscito ad ottenere delle foto che lo testimoniavano. Non solo. Un’altra polemica che all’epoca circolava insistentemente riguardava il fatto che i madrileni non avrebbero visto di buon occhio una finale di coppa del Re (di Spagna) introdotta dall’inno nazionale, di fronte a baschi e catalani che di certo non avrebbero apprezzato molto. Nel 2012, alla fine, la federazione ha deciso di optare per il Vicente Calderòn come struttura ospitante la finale della coppa nazionale, vinta poi dal Barcellona di Pep Guardiola.

LAVORI IN CORSO? – Ora che il Real Madrid si è offerto di ospitare la finale di Copa Libertadores, come riporta El Mundo Deportivo, pare che la ferita si sia riaperta e diverse persone cominciano a chiedersi come mai Florentino Perez non abbia dato il via alla ristrutturazione dei bagni. Che, in fondo, dopo sei anni potrebbero anche avere bisogno di una sistemata. La città di Madrid è quindi pronta ad affrontare la finale della massima competizione continentale sudamericana. Ma non è detto che in vista della finale di Copa del Rey, quest’anno, non decida di fare altri lavori in casa. Dipenderà, come sempre, da chi…chiederà ospitalità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy