Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’ex United Greening avvisa Rangnick: “Avere CR7 e non schierarlo perchè non pressa sarebbe criminale…”

MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 11: Cristiano Ronaldo of Manchester United looks on during the Premier League match between Manchester United and Newcastle United at Old Trafford on September 11, 2021 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

Jonathan Greening è un calciatore del Manchester United che solo i più accaniti tifosi dei Red Devils possono ricordare, ma è comunque un vincitore del Treble. E come tale, dice la sua sul rapporto che dovrà esserci tra il nuovo tecnico e...

Redazione Il Posticipo

Jonathan Greening è un calciatore del Manchester United che solo i più accaniti tifosi dei Red Devils possono ricordare, dato che ha frequentato più le tribune che i prati dell'Old Trafford, collezionando appena 27 presenze fra il 1998 e il 2001. Era però anche lui fra i premiati dell'indimenticabile finale di Champions League del 1999, quella risolta da un gol dell'ormai ex allenatore Solskjaer. L'inglese ha ammesso abbastanza candidamente (e onestamente) di essersi sentito in colpa nel ritirare la medaglia, ma è comunque un ex United e vincitore del Treble. E come tale, dice la sua sul nuovo corso di Old Trafford.

RANGNICK - E in particolare sul rapporto che dovrà esserci tra il nuovo tecnico Rangnick e Cristiano Ronaldo. Anni fa, quando il portoghese era nel suo periodo di grazia, il tedesco aveva detto che per lui il cinque volte Pallone d'Oro era troppo vecchio. Figurarsi ora, che se lo ritrova in rosa a quasi 37 primavere... Ma come spiega Greening a MyBettingSites, non esiste un buon motivo per non schierare CR7. "Di solito se un giocatore non parte titolare c'è un motivo, magari ha fatto male in allenamento o è arrivato in ritardo. Tutti questi fattori contano e Rangnick deve osservare bene i suoi calciatori nelle sedute, capire quali sono le loro abitudini e fare le sue valutazioni partendo da questo". Tranne che per uno...

PRESSING - “Sappiamo tutti che Rangnick vuole giocare con il pressing a tutto campo e che chiede ai suoi giocatori energia e intensità. E Ronaldo potrebbe non essere esattamente il giocatore più adatto. Ma il tecnico deve trovare un modo per inserirlo, con il resto della squadra che pressa e Cristiano che non lo fa allo stesso livello". Insomma, un...trattamento di favore per un calciatore che comunque, come ha ampiamente dimostrato al suo ritorno a Old Trafford, può sempre risolvere una partita con un colpo di genio. E se Rangnick decidesse che non si fanno preferenze? Greening non vuole neanche pensarci: "Avere un giocatore di livello mondiale come CR7 e non schierarlo sarebbe criminale". Il tedesco...è avvisato.