Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’ex Foggia Roy nei guai: condannato con la condizionale e ai servizi sociali per minacce al Premier olandese

L’ex Foggia Roy nei guai: condannato con la condizionale e ai servizi sociali per minacce al Premier olandese

Negli ultimi anni l’olandese è finito spesso al centro di polemiche social per un linguaggio non proprio amichevole nei confronti di altri personaggi pubblici. E stavolta ha davvero esagerato…

Redazione Il Posticipo

Ai più giovani il nome di Bryan Roy dirà poco, ma l’ex calciatore olandese è rappresentante di ben due momenti che hanno contribuito a scrivere il mito della Serie A. Intanto, era parte dei tantissimi stranieri di alto livello che a inizio anni Novanta accorrevano nel campionato italiano, a volte scegliendo anche squadre che non erano assolutamente di primo piano. E infatti Roy, attraverso la mediazione di un agente destinato a fare carriera di nome Mino Raiola approda dall’Ajax nel Belpaese e finisce…a Zemanlandia. Per lui due stagioni al Foggia, con la soddisfazione di essere il miglior cannoniere rossonero nell’annata 1993/94, l’ultima del Boemo nella sua prima esperienza allo Zaccheria. Cosa combina oggi Bryan Roy? Non se la passa troppo bene.

SERVIZI SOCIALI - Negli ultimi anni l’olandese è infatti finito spesso al centro di polemiche social per un linguaggio non proprio amichevole nei confronti di altri personaggi pubblici. E, come riporta il Sun, stavolta ha davvero esagerato, al punto da beccarsi una condanna. A Roy sono stati infatti inflitte 80 ore di servizi sociali e si è salvato dal carcere solo grazie alla condizionale per un tweet di troppo rivolto al Primo Ministro Mark Rutte. Il tabloid inglese riporta che lo scorso aprile l’ex Foggia e Nottingham Forest ha riposto a un cinguettio che riguarda il politico olandese commentando che…si beccherà presto una pallottola in testa. Abbastanza per far scattare un’inchiesta che ha portato al suo fermo e alla sentenza.

RECIDIVO - Una storia che ha fatto parecchio rumore sia in Olanda, visto che comunque Roy è stato a lungo sotto contratto con l’Ajax come tecnico delle giovanili, che in Inghilterra, dove è un mito dalle parti di Nottingham per la sua permanenza al Forest. E una situazione che lo costringerà a fare ulteriormente attenzione a quello che dice, considerando che se dovesse commettere un altro reato nei prossimi due anni, Roy dovrà finire in carcere per quattro settimane. Visto che lo scorso anno era stata aperta un’altra inchiesta nei suoi confronti, dopo che aveva consigliato a un giornalista di…non dormire tranquillo, forse sarà il caso per l’ex centrocampista di pensarci due volte prima di spingere “invia” dopo aver scritto un tweet al vetriolo.