L’ex compagno di squadra Jeffren…analizza Messi: “Sono due o tre anni che non ride più come prima. Sarà stufo…”

L’ex compagno di squadra Jeffren…analizza Messi: “Sono due o tre anni che non ride più come prima. Sarà stufo…”

Jeffren ha vissuto gli anni in cui Leo Messi è diventato grande. E l’ex Barcellona spiega che non è sorpreso dalla volontà della Pulce di cambiare aria. Ormai la situazione al Camp Nou è mutata e l’insofferenza dell’argentino si cominciava già a vedere…

di Redazione Il Posticipo

Non tutte le ciambelle riescono col buco, neanche alla cantera del Barcellona. Tra quelli che non sono diventati stelle conclamate c’è anche Jeffren Suarez, che sembrava in rampa di lancio a inizio decennio, ma non ha mai mantenuto le promesse. Certo, di lui si ricordano ancora per la rete che ha chiuso la leggendaria manita dei blaugrana di Guardiola al Real di Mourinho, ma ora, a trentadue anni, lo spagnolo sbarca il lunario giocando nel campionato croato e ha giocato appena quattro partite in nazionale. Sì, ma in quella del Venezuela, perchè la Spagna, dopo tutte la trafila nelle rappresentative giovanili, non l’ha mai convocato.

RIDERE – Jeffren però ha vissuto il Camp Nou negli anni in cui Leo Messi è diventato grande e si è trasformato da promessa del vivaio nel miglior calciatore del mondo, capace di vincere per sei volte il Pallone d’Oro. E in un’intervista a Radio Marca, l’ex Barcellona spiega che non è sorpreso dalla volontà della Pulce di cambiare aria. Ormai, spiega Jeffren, la situazione è mutata e l’insofferenza dell’argentino si cominciava a vedere… “Sono due o tre anni che non lo vedo ridere come prima. Era sempre felice con i compagni ed è molto tempo che non lo vedo così. Deve essere stufo e capisco che voglia andare in una squadra che lo renda felice”.

GUARDIOLA – Insomma, un qualcosa di prevedibile secondo Jeffren. E dov’è che la Pulce potrebbe recuperare questa felicità? La risposta rischia di essere troppo semplice: al Manchester City di Pep Guardiola. Con cui Messi ha sempre avuto un ottimo rapporto, come conferma il suo ex compagno di squadra. “Si trovavano alla perfezione assieme. Non so come si siano lasciati, perchè io me ne sono andato prima dell’addio del tecnico, ma so che Messi aveva una grandissima opinione di Guardiola e Pep sapeva che con Messi aveva in squadra il miglior calciatore della storia”. E la strada verso l’Etihad…sembra sempre più segnata…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy