Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’ex compagno Alfonso contro Guardiola: “È una delle più grandi delusioni che ho avuto nel mondo del calcio”

(Photo credit should read SERGEI SUPINSKY/AFP/Getty Images)

L'ex attaccante del Barcellona non ha bei ricordi dell'attuale tecnico del Manchester City. Che cosa c'è dietro la sua delusione nei confronti di uno degli uomini più influenti nel calcio? Sfatato il mito per cui il manager catalano piace a tutti?

Redazione Il Posticipo

Pep Guardiola piace a tutti? Non troppo vero. Il suo ex compagno Alfonso Perez Muñoz non si è fatto grossi problemi ad ammetterlo quando gli è toccato parlare dell'attuale tecnico del Manchester City, con cui ha condiviso il campo una ventina di anni fa: a Barcellona Pep e Alfonso si sono sfiorati a cavallo tra 2000 e 2001, ma tanto è bastato per farsi un'idea chiara l'uno sull'altro. Nella sua carriera Alfonso è cresciuto al Real Madrid, è stato una colonna del Betis, poi è passato al Barcellona tra 2000 e 2002, quindi è stato in Francia al Marsiglia e ha chiuso la carriera nel suo amato Betis. L'ex attaccante ha vinto la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Barcellona '92 e ci ha messo lo zampino agli Europei 2000, segnando il gol del 4-3 alla Jugoslavia che è valso il passaggio ai quarti: a Bruges il gol di Alfonso è stata festeggiato proprio da Guardiola.

FUORI DAL CAMPO - Anni dopo però tra i due non corre buon sangue per le critiche fatte da Pep allo Stato spagnolo. Qualche tempo fa l'ex attaccante è stato protagonista di "The Iceberg", un podcast che svela la parte invisibile che si cela dietro il successo degli atleti. Le azioni e i successi in fondo sono solo la punta dell'iceberg perché sotto si nascondono tante altre cose. Alfonso ha rivelato che cosa pensa di Guardiola: "Pep è una delle più grandi delusioni che ho avuto nel mondo del calcio. Non lo discuto come persona o come allenatore o come giocatore, ma il suo modo di pensare mi lascia perplesso".

PEP CONTRO SPAGNA - Alfonso è rimasto colpito dal comportamento del suo ex compagno a proposito dei contrasti tra Spagna e Catalogna: "Non condivido le dichiarazioni e l'ideologia di Pep. Abbiamo vissuto momenti difficili per difendere la maglia della nazionale spagnola e vederlo agire contro la Spagna fuori dal campo mi ha lasciato scioccato. Io sono orgoglioso di essere spagnolo e di aver lottato per difendere la mia nazionale. Mi dispiace vedere un mio ex compagno comportarsi così visto quello che abbiamo passato insieme". L'ex attaccante originario di Getafe è fiero delle sue scelte e prova un pizzico di orgoglio nel sapere che lo stadio della sua città si chiama proprio Coliseum Alfonso Perez... Il tutto alla faccia di Guardiola? In fondo Pep finora non ha potuto godere di questo privilegio e se mai dovesse succedergli la Spagna va quasi certamente esclusa: capiterebbe nella sua amatissima Catalogna.