L’ex assistente di Mourinho attacca: “Il nostro United avrebbe vinto il campionato se il City avesse rispettato le regole”

Mourinho, con il proprio staff, ha allenato molte squadre. Un suo ex assistente non ha digerito qualcosa durante l’esperienza a Manchester. La sua rivalità col City di Guardiola è rimasta intatta, con tanto di accuse pesanti

di Redazione Il Posticipo
guardiola mourinho

I giocatori, come gli allenatori e gli altri membri dello staff di una squadra, per tanti motivi, possono cambiare club di appartenenza. Ma un pezzettino di cuore, in ogni tappa, ce lo lasciano. Così, molti ex giocatori di una squadra, e non solo loro, possono esultare sui social per una significativa vittoria del loro ex club. Uno come Mourinho, con il proprio staff ha allenato molte squadre e disputato molte battaglie. E proprio un suo ex assistente non ha digerito qualcosa durante l’esperienza a Manchester. La sua rivalità col City è rimasta intatta.

I PUNTI – Si tratta di Ricardo Formosinho, sessantaquattrenne nato a Setubal che ha passato molti anni a spalleggiare tatticamente lo Special One. Formosinho, però, non ha digerito affatto l’epilogo della stagione 2017/18. A quel tempo, lui e Mou gestivano la panchina del Manchester United nella stagione che vedeva i diavoli rossi impegnati nella lotta per il titolo contro i rivali cittadini. Formosinho spiega a Record che se il City non avesse violato le regole del Fair Play Finanziario, lo United avrebbe vinto il titolo. Titolo vinto invece da Guardiola con 19 punti di vantaggio.

(Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

AVREMMO VINTO – Allo United, il titolo mancava e manca dal 2013. Il portoghese spiega: “Non siamo stati i campioni, è vero ma abbiamo vinto l’Europa League, la coppa di lega, la Supercoppa e siamo stati in lotta con il City che non ha seguito, come è stato provato in seguito, le regole del FPF. Li stavamo rincorrendo allora, con la ‘verità sportiva’ dalla nostra, saremmo stati noi i campioni“. Insomma, i 19 punti di gap tra le due squadre di Manchester si sentivano. Purtroppo, però, non esiste ancora una formula matematica che possa dare la certezza assoluta che le violazioni del FPF da parte del City abbiano portato alla squadra di Guardiola alla vittoria. O meglio, avranno sicuramente aiutato ma non si può dire con certezza che abbiano portato al City quei 19 o più punti di vantaggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy