Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lewis Baker vince contro la sfortuna: batte il Covid e torna a giocare di nuovo col Chelsea…dopo otto anni

BRISTOL, ENGLAND - OCTOBER 13: Lewis Baker of Chelsea looks on as he walks off the pitch at full-time after the Papa John's Trophy match between Bristol Rovers and Chelsea U21 at Memorial Stadium on October 13, 2021 in Bristol, England. (Photo by Alex Burstow/Getty Images)

Lewis Baker nel match di FA Cup contro il Chesterfield è sceso in campo per la sua seconda partita coi Blues...otto anni dopo la prima. E con in mezzo un bel po' di sfortuna.

Redazione Il Posticipo

"La mia coscienza mi dice che se per esempio Lewis Baker, Izzy Brown o Dominic Solanke non andranno in nazionale tra qualche anno, la colpa sarà solamente mia". Parole di Josè Mourinho, che nel 2014 parla di alcuni giovani del vivaio del Chelsea. Nessuno dei tre ha fatto troppa carriera, ma uno è rimasto sotto contratto con i Blues. Si tratta di Lewis Baker, che nel match di FA Cup contro il Chesterfield, viste anche le tante assenze dell'ultimo periodo causa Covid, è sceso addirittura in campo per la sua seconda partita coi Blues...otto anni dopo la prima. Il tutto dopo che qualche settimana fa, quando il sogno sembrava doversi realizzare, Baker si era ritrovato anche lui a casa col Covid assieme a buona parte della rosa.

PRESTITI - La sua, come spiega AS, resta una storia particolare. Nel corso degli ultimi decenni, la politica del Chelsea ha portato all'acquisto di tantissimi calciatori, che però poi vengono ceduti in prestito anche...per gran parte della carriera, come dimostra l'ex milanista Van Ginkel. E Baker fa decisamente parte di questo gruppo, considerando che è stato ceduto temporaneamente nove volte, compresa la scorsa stagione, quando si è distinto in Turchia con la maglia del Trabzonspor. Quest'anno però non è stato possibile trovargli un club e quindi a 26 anni Baker gioca da fuori quota nell'Under-23 dei Blues. E fino alla partita contro il Chesterfield la sua unica presenza con la maglia del Chelsea era quella del 5 gennaio 2014, otto anni (e oltre 3000 giorni) fa.

MOURINHO -  A dargli un'occasione all'epoca è stato proprio Mourinho, che lo ha spedito in campo al minuto 87 di una sfida di FA Cup contro il Derby County. Baker, all'epoca neanche diciannovenne, si ritrova in campo con Mikel e Ashley Cole, ma è la prima e anche l'ultima volta. Poi la sua storia diventa simile a quella di tanti altri colleghi della rosa dei Blues, sballottati da un club all'altro nella speranza un giorno di tornare ad allenarsi a Cobham e di scendere sul terreno di gioco per rappresentare di nuovo il Chelsea. Al ventiseienne, nel caos pandemico, una piccola gioia in fondo è arrivata. Assieme all'ovazione di Stamford Bridge, il giusto tributo...a un fedelissimo del club!