calcio

Lewandowski al Barcellona. Matthaus: “A queste condizioni hanno vinto tutti: Robert, Bayern e Nagelsmann”

Lewandowski al Barcellona. Matthaus: “A queste condizioni hanno vinto tutti: Robert, Bayern e Nagelsmann” - immagine 1
L'attaccante polacco lascia un ambiente che non sentiva più suo. Il Bayern incassa una cifra considerevole e Nagelsmann ha... un elemento di disturbo in meno.

Redazione Il Posticipo

Lewandowski dal Bayern al Barcellona. Era nell'aria, adesso è una notizia. Analizzata da Lothar Matthaus come una vittoria di tutti. L'attaccante polacco lascia un ambiente che non sentiva più suo. Il Bayern incassa una cifra considerevole e Nagelsmann ha... un elemento di disturbo in meno. Le parole del campione del Mondo 1990 sono riprese dalla Bild.

LEWANDOWSKI

Tutti felici e contenti. In primis Lewandowski. "Il calciatore ha ottenuto tutto quello che voleva. Un contratto a lunga scadenza e anche un anno in più di quanto avrebbe ottenuto al Bayern. Adesso mi è tutto chiaro e capisco perché Robert aveva puntato i piedi. Giocherà e guadagnerà il doppio dei soldi rispetto a quanto avrebbe intascato giocando con il Bayern sino al 2024. Anche dal punto di vista sportivo la sfida è stimolante. Lewandowski potrà realizzare il suo sogno di giocare in Spagna".

BAYERN

Ne esce bene anche il Bayern, che comunque riesce a vendere un calciatore e a incassare quasi 50 milioni da chi nel giugno prossimo rischiava di andare via a zero. "Penso che si sia parlato troppo di questo trasferimento. Entrambe le parti hanno certamente commesso errori nella comunicazione interna ed esterna, ma ora che è tutto appianato possono definirsi tutti vincitori.  Il Bayern vince perché arriva fino a 50 milioni per un quasi 34enne che l'anno prossimo sarebbe andato a parametro zero. Sono tanti soldi che ora possono essere usati per finanziare De Ligt in particolare e forse anche altre operazioni".

NAGELSMANN

Operazione "win-win" anche per Nagelsmann. "Anche lui esce da vincitore perché ora può pianificare in pace la prossima stagione. Non vi saranno più voci e illazioni che possono distrarre la squadra e dare fastidio al gruppo durante la preparazione. E poi, se devo essere sincero, non credo che Julian sia poi così triste. Anzi, posso anche immaginare che provi un certo sollievo perché senza Lewa e con Mané ora dovrebbe essere in grado di realizzare le sue idee di calcio meglio di prima quando c'era una figura specifica di attaccante centrale. Fossi nei tifosi non sarei per niente preoccupato. Il Bayern avrà una squadra molto forte anche senza Robert Lewandowski".