Leicester, il commercio della vergogna: all’asta su eBay il merchandising in onore di Khun Vichai

Per quanto inaspettata, shockante e triste, la morte del presidente del Leicester Vichai Srivaddhanaprabha ha certamente avuto un effetto positivo: quello di unire nel cordoglio e nel rispetto più assoluto tutto il mondo del calcio. Ma c’è anche qualcuno che si sta comportando in maniera del tutto inaccettabile…

di Redazione Il Posticipo

Per quanto inaspettata, shockante e triste, la morte del presidente del Leicester Vichai Srivaddhanaprabha ha certamente avuto un effetto positivo: quello di unire nel cordoglio e nel rispetto più assoluto tutto il mondo del calcio. Non si è alzata una parola contraria al coro di giudizi positivi e affettuosi nei confronti di Khun Vichai, tutte le tifoserie hanno compreso e condiviso il lutto del Leicester e della sua gente e, volendo escludere il giallo a Gray per aver mostrato la maglia in onore del defunto presidente dopo un gol, non c’è stato nulla a rovinare un commovente momento di unione, sportiva e spirituale.

ASTA SU EBAY – Almeno, non finora. Ma da quello che riporta il Daily Mail, c’è qualcuno che si sta comportando in maniera del tutto inaccettabile. Non rispettare una tragedia è terribile, ma lucrarci sopra è davvero imperdonabile. Eppure c’è chi, attraverso eBay, sta vendendo il merchandising in memoria di Khun Vichai che è stato regalato dal club ai tifosi in occasione del commovente tributo durante la partita casalinga contro il Burnley. E all’asta ci è finito tutto il set di oggetti, a partire dalla sciarpetta che ha colorato di bianco il King Power Stadium durante il minuto di silenzio, il programma del match con i ricordi scritti dagli stessi calciatori, una spilla con il logo del club, il rumorosissimo clapper e persino la busta con cui è stato consegnato il materiale.

REAZIONI – Qualcuno apparentemente sta mettendo all’asta gli oggetti per poi devolvere il ricavato in beneficienza, ma altri lo stanno facendo puramente a scopo di lucro. E naturalmente, considerando che per aver ricevuto gli oggetti bisogna essere dei tifosi del Leicester (o perlomeno essere andati allo stadio quel giorno), la maggioranza dei supporter delle Foxes si sta ribellando a questa mercanzia della memoria dell’amatissimo Khun Vichai. Di conseguenza, Twitter è stato inondato di messaggi diretti ai venditori, in cui ovviamente viene condannata la scelta. “Dovreste vergognarvi, chiunque voi siate”, scrive qualcuno. “Non posso credere che ci sia qualcuno che possa pensare di guadagnare del denaro da questa tragedia”, chiosa un utente con il logo del club listato a lutto come immagine del profilo. Ma del resto, c’era da immaginarselo. Persino in un momento così triste, c’è chi riesce a distinguersi. Ovviamente, in negativo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy