Le strane rivelazioni del fratello di Higuain: “Giocare in Turchia? Un errore, al Besiktas portarono una capra nello spogliatoio e poi…”

Federico Higuain si racconta in un’intervista in radio. “Andare a giocare in Turchia è stato un errore”. E poi racconta un aneddoto molto macabro…sulla decapitazione di una capra nello spogliatoio.

di Redazione Il Posticipo

Il calciomercato è vissuto in maniera abbastanza controversa dagli spettatori, figuriamoci dai calciatori. Che a volte possono finire in campionati strani o in luoghi che non hanno nulla a che fare con la propria cultura. Il che crea delle storie che possono tranquillamente rendere all assurdo. È il caso di una esperienza molto particolare vissuta da Federico Higuain, che quando parla del suo passaggio al Besiktas nel 2007 lo fa con dovizia di particolari. Forse…anche triposa!

UN ERRORE – Il fratello maggiore di Gonzalo ha raccontato in un’intervista su Radio Ataque Futbolero in Argentina la sua esperienza traumatica in Turchia. L’attuale centrocampista dei Columbus Crew, nella stagione 2007/2008, ha lasciato il River Plate per giocare nel Besiktas. Le aspettative erano abbastanza alte ma il giocatore non ha convinto il club: nove presenze, zero reti. Forse, il giocatore non ha reso perché lì non si trovava affatto bene. “Andare a giocare in Turchia è stato uno degli errori che ho fatto nella mia carriera”. In effetti, proprio dal punto di vista culturale, il salto dall’Argentina alla Turchia è piuttosto difficile da fare, si tratta, in effetti di due paesi davvero molto diversi. A testimonianza di ciò, Federico Higuain racconta un aneddoto di qualcosa di davvero macabro avvenuto nello spogliatoio dei bianconeri turchi.

CAPRA – E l’aneddoto dell’ex giocatore del Besiktas riguarda una… capra. “In Turchia, hanno portato una capra nello spogliatoio, le hanno tagliato la testa davanti a me e si sono dipinti la fronte con il sangue”. Una scena che forse ha contribuito non poco, assieme allo scarso feeling con la squadra e con il campionato turco, alla decisione di lasciare la squadra bianconera. Ma perché il macabro rito? Higuain non lo spiega, ma forse il tutto è avvenuto nel giorno della festa del sacrificio, in cui si offre proprio una capra. Non che saperlo avrebbe reso la cosa meno traumatica per il fratello del Pipita!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy