Le rivelazioni della moglie di Di Maria: “Quando Angel è andato allo United ci hanno dato dei mercenari e avevano ragione! Manchester è orribile, volevo ammazzarmi…”

Un fiume in piena, di parole e di aneddoti. Questa la miglior definizione di Jorgelina Cardoso, la moglie di Angel Di Maria. La consorte del calciatore del Paris Saint-Germain ha raccontato molto del rapporto con suo marito. Incluse…le diverse conseguenze della sua cessione al Manchester United nel 2014.

di Redazione Il Posticipo

Un fiume in piena, di parole e di aneddoti. Questa la miglior definizione di Jorgelina Cardoso, la moglie di Angel Di Maria. La consorte del calciatore del Paris Saint-Germain è intervenuta al programma TV Los Ángeles de la Mañana e ha raccontato molto del rapporto con suo marito. Incluse…le diverse conseguenze della sua cessione al Manchester United nel 2014.

MERCENARI – Una scelta che all’inizio non convinceva molto la signora Di Maria. “Abbiamo litigato tantissimo al riguardo. Noi stavamo a Madrid e Angel giocava per quella che per me è la miglior squadra del mondo. Stavamo benissimo. Il clima era perfetto e il cibo fantastico. Ma a un certo punto un giorno Angel arriva e mi dice ‘mi è arrivata un’offerta del Manchester United’. Io gliel’ho detto di non pensarci neanche, che se ci voleva andare ci sarebbe andato da solo. Ma lui mi ha risposto ‘sì sì, noi ci andiamo’”. Una questione anche economica. “Gli offrivano molti soldi e i tifosi spagnoli hanno cominciato a darci dei mercenari. Ebbene sì, siamo stati dei mercenari! Se lavori in un’azienda e arriva la concorrenza e ti dice che ti paga il doppio, tu ci vai di corsa!”.

MANCHESTER – La città però non è esattamente accogliente per i due. “Manchester? È orribile, davvero orribile. Ci siamo andati per fare visita a casa di Aguero, ai tempi in cui stava ancora con la figlia di Maradona, Giannina, che è una mia amica. E quando siamo tornati da lì ho detto ad Angel ‘spero che non ti acquisti mai una squadra inglese, è un posto orribile’. La gente è tutta pallida e quando sei in giro sembra sempre che ti vogliano ammazzare. E un anno dopo eravamo in Inghilterra!”. Di Maria non si adatta, al punto che lascia subito lo United. E anche sua moglie ci mette lo zampino. “Io non gli dicevo ‘siamo qui per colpa tua’. Gli dicevo semplicemente ‘amore, mi voglio ammazzare, qui alle due di pomeriggio è già notte'”. Un problema che ora, a Parigi, i due certamente non hanno…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy