Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Le regole del Jefecito: Mascherano vuole che i suoi calciatori leggano, studino e…sparecchino la tavola!

Le regole del Jefecito: Mascherano vuole che i suoi calciatori leggano, studino e…sparecchino la tavola! - immagine 1

In campo lo chiamavano "El Jefecito", il piccolo capo, per la leadership che sembrava sprizzare da ogni poro. Javier Mascherano ora è l'allenatore della nazionale under-20 argentina e ha già stilato delle regole particolari per i suoi calciatori...

Redazione Il Posticipo

In campo lo chiamavano "El Jefecito", il piccolo capo, per la leadership che sembrava sprizzare da ogni poro. Javier Mascherano, uno che ha vinto tutto con il Barcellona e che è stato protagonista anche con il Liverpool e con la nazionale argentina, ha smesso di giocare nel 2020, dopo un'ultima esperienza nell'Estudiantes di Veron. Ma non gli ci è voluto troppo tempo per capire che il suo futuro era...dall'altra parte della barricata, ovvero in panchina. La federazione argentina gli ha affidato la sua nazionale Under-20, solitamente una fucina di talenti, e il piccolo capo si è già messo all'opera. Ma come spiega AS, le regole stabilite da Mascherano hanno più a vedere con lo sviluppo umano che con quello calcistico.

REGOLE DI SPOGLIATOIO - Il quotidiano spagnolo riassume infatti le norme di comportamento che Mascherano ha stabilito per i giovani calciatori che di volta in volta deciderà di convocare. E nonostante il Jefecito abbia tutte le carte in tavola per poter spiegare il calcio, sia tecnicamente che tatticamente, ai suoi, si evince dalle regole che il focus è sulla persona, più che sul giocatore. E visto che si tratta di ragazzi, gli insegnamenti dell'ex blaugrana possono essere ancora più formativi. Ma di che regole si tratta? Alcune sono più calcistiche delle altre, come pulire gli scarpini dopo ogni allenamento o partita, lasciare pulito lo spogliatoio al momento di uscire e seguire corsi di comunicazione, per imparare come si gestisce il rapporto con i media.

LIBRI E PASTI - Ma non basta, perchè ci sono altre norme che invece vanno a inficiare la vita di tutti i giorni dei calciatori. Che devono imparare l'inglese, ormai fondamentale nella carriera di qualsiasi giocatore di alto livello, ma anche studiare e leggere libri durante il tempo libero quando sono in ritiro. Per non parlare dei pasti. Ai calciatori dell'Under-20 argentina è richiesto di servirsi da soli il pranzo e la cena, evitando che lo faccia lo staff della cucina, ma anche di raccogliere piatti e tovaglie una volta finito di mangiare. Cosa c'entra tutto questo con il calcio? Forse poco, ma Mascherano è da sempre convinto che per diventare un grande giocatore si debba prima essere un grande uomo, le regole servono a questo. E se qualcosa lo dice il Jefecito...è un ordine.