Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Le difficoltà del Gimnasia, orfano di Diego: lo staff si dimette in blocco e i calciatori non vogliono giocare la prossima partita

El Pibe de Oro se n'è andato da allenatore del Lobo, carica che ha rivestito da settembre 2019 fino all'ultimo istante della sua vita. Ora però la squadra argentina è rimasta senza tecnico e anche senza staff. E i calciatori vorrebbero rinviare...

Redazione Il Posticipo

Il tempo passa, ma l'addio a Diego Armando Maradona è sempre complicato da metabolizzare. Chiunque ami il calcio, con la morte del Diez ha perso qualcosa. Ma c'è qualcuno per cui salutare Maradona è ancora più difficile. La sua Argentina, la sua Napoli...e il suo Gimnasia. Già, perchè El Pibe de Oro se n'è andato da allenatore del Lobo, carica che ha rivestito da settembre 2019 fino all'ultimo istante della sua vita. Non è stata un'esperienza rose e fiori, perchè il club era in un momento complicato quando è arrivato Maradona, ma alla fine, quando la pandemia ha fatto interrompere il campionato senza retrocessioni, il Gimnasia era teoricamente salvo.

STAFF - Ora però la squadra argentina è rimasta senza allenatore e anche senza staff. Come ha comunicato lo stesso club, i collaboratori di Maradona hanno deciso di fare un passo indietro e di non continuare il proprio lavoro, quello che stavano svolgendo da inizio novembre in autonomia dopo il ricovero di Diego per l'operazione alla testa subita qualche settimana fa. Il suo vice, Sebastian Mendez, si era preso l'incarico di gestire la rosa in attesa del ritorno a pieno ritmo del Diez. Ma ora che Maradona riposa accanto ai suoi genitori nel cimitero di Bella Vista, nessuno di quelli che ha lavorato con lui se l'è sentita di andare avanti.

GIOCATORI - Così come non se la sentono i calciatori del Gimnasia di giocare la prossima partita, quella prevista contro il Velez nella serata di sabato. La squadra, spiega LosAndes, ha espresso alla dirigenza la volontà di spostare il match, visto che le condizioni non permettono ai giocatori di scendere in campo con serenità. Nel giorno delle esequie, il gruppo non si è allenato e ora dovrebbe toccare alla società chiedere alle autorità del calcio argentino di permettere di rinviare l'incontro. Non il massimo della vita, dal punto di vista organizzativo, in una stagione in cui tutto si fa di corsa vista l'ombra del coronavirus. Ma tutti i tifosi del Lobo sperano che in nome di Diego si permetta un piccolo strappo alla regola.