Lazio, una gioia anche per Morrison: l’ex oggetto misterioso convocato in nazionale… giamaicana

Lazio, una gioia anche per Morrison: l’ex oggetto misterioso convocato in nazionale… giamaicana

Ravel Morrison, dopo tante delusioni, può finalmente esordire con la nazionale… giamaicana.

di Redazione Il Posticipo

Un momento magico per la Lazio. E anche  gli ex laziali. Il popolo biancocleste ricorderà senza troppi rimpianti Ravel Morrison. L’inglese, come spiega il Sun, si è accasato al Middlesbrough, dopo aver fallito anche l’occasione che gli ha regalato lo Sheffield United. I Blades hanno preferito spedire l’ex ragazzo prodigio in Championship, ma la retrocessione non gli ha comunque impedito di coronare un sogno: giocare in nazionale. Morrison, infatti, farà il suo debutto internazionale indossando la maglia della Giamaica. Giocherà con la Giamaica contro la selezione della Catalogna. Appuntamento il prossimo 30 marzo a Barcellona.

TESTA CALDA – 27 anni di talento sprecato. Certificato da Sir Alex Ferguson si esprimeva così su Morrison: “Ha un talento naturale che non ho mai visto in nessun ragazzo con cui ho lavorato”. Ma il talento è nulla se non è accompagnato dalla testa. E quella di Morrison, come racconta il tabloid, comincia a girare molto presto. Non fa neanche in tempo a firmare il suo primo contratto da professionista con il Manchester United (mentre nelle giovanili gioca con Pogba e Lingard) che viene denunciato per minacce e aggressione. La vittima è sua madre…

CARRIERA – La sua carriera comincia presto ad andare a rotoli. Ferguson lo cede al West Ham dove si becca una multa per insulti omofobi via Twitter a un tifoso. Dopo l’ennesima bravata, (la lite con Zaha in nazionale Under-21 perché il compagno non gli passava il pallone) anche gli Hammers lo scaricano.  Su di lui ci scommette la Lazio, da cui si separa dopo quattro anni di contratto e zero rimpianti. Ora però per l’ex laziale arriva una buona notizia, forse la prima dopo anni complicati. Intanto esordisce in amichevole. Poi per le partite ufficiali con la Giamaica ci sarà tempo. Anche perché per i Tre Leoni sul petto ormai sembra tardi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy