calcio

Mario Mandzukic, rischiarlo no. Rinunciarci, neanche…

Mandzukic è un calciatore irrinunciabile in generale, con la Lazio in particolare. Contro un squadra fisica come quella di Inzaghi, il croato serve come il pane alla Juventus.

Redazione Il Posticipo

Una gabbia, per quanto dorata, resta pur sempre una prigione, da cui Allegri non riesce ad evadere. La sua custodia cautelare ha un nome: Mario Mandzukic. La Juventus ne è quasi dipendente. Non può farne a meno. Anche se non è il caso di esagerare. Il croato è pur sempre reduce da un infortunio.

Un recupero da guerriero

Una brutta botta incassata durante Finlandia–Croazia. Mandzukic ne esce malconcio. Infiammazione alla caviglia, dicono. É un problema serio, dicono. Parlano, ma non sanno chi è Mario Mandzukic. Uno che non ha problemi: al massimo, li crea. Recupero a tempo di record e stupisce chi se ne stupisce. Serve ben altro per abbattere un guerriero come il numero 17 bianconero. L'unico dubbio di Allegri è se rischiarlo comunque oppure lasciarlo in panchina, considerando la mole di impegni che attendono la Juventus.

Rinunciarci, non si può. Risparmiarlo, quello sì

Mandzukic negli ultimi giorni si è allenato poco, come la maggior parte dei reduci dagli impegni con la Nazionale. Inutile chiedergli se voglia giocare. La risposta è scontata. Contro la Lazio in particolare, la sua presenza è ancora più necessaria. Ago della bilancia della Juventus, quasi indispensabile contro la Lazio, una squadra molto fisica e chiusa, che ha nella corsa e nella densità il proprio punto di forza. I biancocelesti sanno incassare e ripartire: e dalla parte di Mandzukic ci sarà Marusic, o Basta. Due calciatori comunque di “gamba” difficili da affrontare fisicamente, senza l'apporto del croato. In generale poche squadre sanno chiudersi e occupare gli spazi come quella di Inzaghi. In questa ottica la Juve ha un formidabile apriscatole, Dybala. Qualora però servisse forzare la serratura, occorrono muscoli e tenacia. Quindi, Mandzukic. Ecco perchè la sensazione è che comunque il calciatore croato sarà in campo dall'inizio. Magari non per giocare tutti i 90', ma quelli che serviranno.

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();

tutte le notizie di