calcio

Lazio, la battaglia dei Balcani: contro la Croazia tocca alla Serbia o al Montenegro?

La Lazio vola a Milano con la consapevolezza di non poter perdere. Inzaghi pensa a come bloccare Perisic. Da quella parte ha due opzioni: Basta o Marusic.

Mattia Deidda

"Lazio pronta per l'esame SanSiro. I biancocelesti, approdati alle semifinali di coppa Italia dopo la vittoria contro la Fiorentina, si preparano ad affrontare l'Inter per l'ultima gara del girone di andata. La sconfitta dei nerazzurri contro il Milan (avversario della Lazio in semifinale di coppa) rende la gara ancora più complicata. Gli uomini di Spalletti arrivano alla sfida con un solo risultato disponibile: la vittoria. La sconfitta contro l'Udinese (prima stagionale) è stata seguita in rapida successione da quella contro Sassuolo e Milan. L'Inter ha perso le proprie certezze, e l'unico modo per recuperarle è vincere contro una delle migliori squadre del campionato. Inzaghi conosce bene i pericoli che la partita comporta: perdere contro l'Inter significherebbe complicare notevolmente il cammino verso il quarto posto. A togliere sonno al tecnico biancoceleste è soprattutto Perisic. Il croato è uno dei migliori giocatori nerazzurri, e per affrontarlo Inzaghi ha due scelte: una offensiva, con Marusic, l'altra difensiva, con Basta.

Perché scegliere Marusic?

"L'Inter è in evidente difficoltà. La Lazio, al contrario, ha ricominciato a vincere dimostrando di aver superato il primo momento complicato della stagione. Marusic, a differenza di Basta, fa dell'attacco la sua arma principale. Con due gol e due assist è uno degli uomini più importanti della spinta offensiva biancoceleste, un appoggio sicuro per aprire la manovra sulla destra. Il montenegrino si trova in un buon periodo di forma, e spingerlo ad attaccare potrebbe essere la migliore mossa possibile per limitare le discese offensive di Perisic. Il calcio, però, non è una scienza esatta, e seppur in difficoltà l'Inter ha dalla sua parte l'entusiasmo dei tifosi e la consapevolezza di essere terza in classifica. Perisic è uno dei migliori esterni del campionato (e non solo). Impostare una gara cercando di attaccarlo senza poi riuscirci, potrebbe regalare all'Inter l'intera fascia sinistra del campo.

Perché scegliere Basta?

"Una scelta conservativa. Vuoi per età e per caratteristiche tecniche, il serbo rappresenta una scelta molto più ragionata rispetto a Marusic. Diligente, accompagna la manovra offensiva senza mai affondare il colpo. In fase difensiva, però, regala molta più esperienza del collega montenegrino, ed in una gara giocata in trasferta contro una squadra forte (e soprattutto ferita), spesso la scelta migliore è cercare l'equilibrio dentro il campo. Pesa, però, l'infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco fino alla fine di ottobre. Il serbo, da allora, ha collezionato solamente due presenze entrando a partita in corso. Schierare Basta dal primo minuto significherebbe optare per una formazione più accorta, ma con la consapevolezza di dover utilizzare senza dubbio un cambio per sostituirlo quando a corto di energie.

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();

tutte le notizie di