L’attacco di Heskey contro il razzismo dei club: “Per Lampard e Gerrard è più semplice trovare una panchina, dipende dal colore della pelle…”

L’attacco di Heskey contro il razzismo dei club: “Per Lampard e Gerrard è più semplice trovare una panchina, dipende dal colore della pelle…”

Il razzismo nel calcio esiste e non è solamente una cosa che riguarda i tifosi. Questo spiega Emil Heskey. Una piaga che colpisce anche le istituzioni calcistiche e i club. Che secondo lui scelgono i propri allenatori non solo per le capacità tattiche o per le doti di leadership. Ma anche per il colore della pelle…

di Redazione Il Posticipo

Il razzismo nel calcio esiste e non è solamente una cosa che riguarda i tifosi. Questo spiega ai microfoni del Times Emil Heskey. L’ex attaccante del Liverpool e della nazionale inglese ha già raccontato di quando un intero stadio in Slovacchia faceva il verso della scimmia ogni volta che toccava il pallone. Ma il discorso del bomber di Sua Maestà stavolta è diverso e colpisce anche le istituzioni calcistiche e i club. Che secondo lui scelgono i propri allenatori non solo per le capacità tattiche o per le doti di leadership. Ma anche per il colore della pelle. E Heskey, che non è ancora riuscito a entrare nel calcio professionistico da allenatore, fa due nomi importanti a questo riguardo…

PATENTINO – Ci sono un sacco di barriere che devono essere abbattute. C’è bisogno di un cambiamento ai massimi livelli, magari una donna alla guida della FA oppure una persona di colore che possa davvero combattere il razzismo dall’interno, per discutere seriamente dei cambiamenti di cui necessita il calcio. Se penso che c’è un limite invisibile che i manager di colore non possono superare? Sì”. Un argomento su cui spesso è tornato anche l’ex compagno di nazionale Sol Campbell, che in carriera ha vinto molto, ma che ha trovato posto solo sulla panchina del Macclesfield Town. A differenza di altri colleghi dalla pelle più chiara… Tra cui addirittura Southgate: “Tutti quanti dicono ‘vai e prendi il patentino’. Certo, ma abbiamo un CT della nazionale che allenava in Premier League senza certificazioni”.

GERRARD E LAMPARD – E Campbell ne ha per tutti, anche per Joey Barton: “Abbiamo ex calciatori con una pessima reputazione, nel senso che picchiano le persone, che hanno un lavoro, mentre io non riesco a raggiungere livelli più alti”. E poi la stoccata a due ex compagni di nazionale che di questi problemi non ne hanno avuti.  “Posso quindi immaginare che la percezione sia che gli allenatori di colore non sappiano fare bene il loro lavoro. E sono sicuro al 100% che sarebbe più facile per Lampard o Gerrard ottenere quei posti di lavoro. E non posso non pensare che sia per il colore della pelle”. Anche perchè i titoli da calciatore sembrano contare poco… “Guardiamo alle medaglie. Campbell ha vinto la Premier più volte di Gerrard e Ashley Cole ha in bacheca più trofei di tutti, è il calciatore inglese più vincente della sua era. Eppure la sua possibilità è arrivata con il Chelsea under-15”. Insomma, non proprio complimenti al sistema da parte di Heskey…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy