Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’Atletico ingabbia CR7: per il portoghese zero tiri in una partita intera di Champions dopo più di dieci anni

MANCHESTER, ENGLAND - MARCH 15: Stefan Savic of Atletico Madrid challenges Cristiano Ronaldo of Manchester United during the UEFA Champions League Round Of Sixteen Leg Two match between Manchester United and Atletico Madrid at Old Trafford on March 15, 2022 in Manchester, England. (Photo by Michael Regan/Getty Images)

Ronaldo è stato un problema di cui l'Atletico non ha praticamente dovuto tener conto: è soltanto la terza volta nella sua carriera in Champions League che gioca un match per intero senza tirare in porta! E senza di lui, lo United...

Redazione Il Posticipo

Se la stagione del Manchester United era già un mezzo disastro, con i Red Devils che in Premier League lottano per un posto in Champions ma sono attardati rispetto alla concorrenza, la certificazione del crollo completo arriva nel match europeo contro l'Atletico Madrid. Alla squadra di Simeone basta una rete di Renan Lodi per espugnare Old Trafford e abbattere finalmente...l'incubo CR7. Da quando il Cholo siede sulla panchina dei Colchoneros, ogni volta che si è trovato di fronte il portoghese in gare (o finali!) di Champions League, era finita male, spesso anche con prestazioni al limite dell'assurdo del cinque volte Pallone d'Oro. Ma nella nottata di Manchester, Ronaldo è stato un problema di cui l'Atletico non ha praticamente dovuto tener conto.

ZERO TIRI - Lo spiega abbastanza bene una statistica di OptaJoe: è soltanto la terza volta nella sua carriera in Champions League che Cristiano Ronaldo gioca un match per intero senza tirare in porta neanche una volta. Per la prima occasione bisogna tornare...alla notte dei tempi, al novembre del 2003, quando il portoghese e il suo Manchester United hanno affrontato il Panathinaikos. La seconda, abbastanza più comprensibile, è lo scontro in semifinale tra il Real Madrid di Mourinho e il Barcellona di Pep Guardiola nel maggio 2011. Poi, per oltre dieci anni, impossibile trovare un match di Champions in cui il portoghese non ci abbia...perlomeno provato. Almeno, finchè la difesa di Simeone (con addirittura Griezmann in modalità..Eto'o a fare il terzino aggiunto) non lo ha imbrigliato.

TALISMANO - E senza un CR7 nel motore, era pressochè ovvio che lo United avrebbe avuto grossi problemi. Fino a che non ha incontrato i Colchoneros, Ronaldo era sempre andato in gol in questa edizione della Champions e solo in una occasione non era stato decisivo. Il girone si è messo subito in salita e i Red Devils si sono aggrappati mani e (soprattutto) piedi al loro trascinatore. Cristiano si è caricato quasi di peso la squadra sulle spalle. Senza i suoi gol lo United avrebbe pareggiato con il Villarreal per due volte, (totalizzando due punti invece di sei) pareggiato all'andata e perso al ritorno con l'Atalanta (un punto invece di quattro). Ben sette, dunque, i punti portati in dote, sui dieci in classifica che hanno permesso agli inglesi di qualificarsi agli ottavi. Ma se neanche il fenomeno di Funchal vede la porta, difficile passare il turno...