L’assurda storia di van Ginkel: il Chelsea rinnova all’ex milanista…che a Londra ha giocato quattro partite in sette anni

L’assurda storia di van Ginkel: il Chelsea rinnova all’ex milanista…che a Londra ha giocato quattro partite in sette anni

Sette anni in un club, appena quattro partite, di cui una sola da titolare: la storia di Marco van Ginkel. L’olandese è arrivato al Chelsea dal Vitesse nel 2013 per otto milioni di euro e, tra prestiti e infortuni, è costato ai Blues due milioni a partita. Eppure per lui…arriva il rinnovo.

di Redazione Il Posticipo

Sette anni in un club, appena quattro partite, di cui una sola da titolare. Va da sè che, a meno che non si parli di un secondo portiere, c’è qualcosa che non quadra. Eppure è la storia di Marco van Ginkel. L’olandese, che ha passato anche un periodo in prestito al Milan, è arrivato al Chelsea dal Vitesse nel 2013 per otto milioni di euro e al momento attuale è praticamente costato ai Blues…due milioni di euro a partita. Per lui tanti infortuni e parecchi prestiti, non ultimo quello al PSV Eindhoven con cui ha vinto l’Eredivisie da protagonista. Segnale che forse il tulipano così scarso non è.

RINNOVO – Motivo per cui, come annuncia lo stesso club, nonostante i numeri non siano decisamente dalla sua parta, il Chelsea gli ha accordato un clamoroso rinnovo. L’ex milanista aveva il contratto in scadenza a giugno e sembrava logico non presagire un prolungamento. Ma come spiega il Chelsea attraverso il proprio sito, c’è fiducia in lui. “Il ventisettenne aveva un contratto fino a questa estate, ma con la firma continuerà la sua carriera con il Chelsea per l’ottava stagione, nonostante i prestiti e gli infortuni ne abbiano limitato le presenze con la maglia del nostro club”.

INFORTUNI – In effetti, la cartella clinica di van Ginkel non lascia presagire nulla di buono. Le ginocchia sono sempre stato il suo punto debole e attualmente l’olandese sta recuperando dall’ennesimo problema fisico. Ma l’ex rossonero è sempre stato abbastanza fiducioso per quello che riguarda il suo futuro, al punto che qualche settimana fa aveva spiegato: “Credo che scenderò in campo con l’Under-23 del Chelsea per prendere il ritmo partita. E le cose sembrano promettere bene, ho lavorato tantissimo per tornare a disposizione”. Abbastanza per un rinnovo dopo quattro partite in sette anni…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy