L’assurda protesta di Luis Suarez: chiede calcio di rigore…per fallo di mano del portiere!

L’assurda protesta di Luis Suarez: chiede calcio di rigore…per fallo di mano del portiere!

Il Pistolero è arrivato all’appuntamento con la Copa America abbastanza…cotto. Forse non dal punto di vista fisico, ma certamente da quello mentale. Come dimostra la strana scena a cui hanno assistito gli spettatori della partita tra Uruguay e Cile.

di Redazione Il Posticipo

Forse, Luis Suarez ha fatto bene a operarsi al ginocchio prima della Copa America. La decisione è stata presa dopo l’eliminazione del Barcellona dalla Champions, ma indubbiamente, anche se i blaugrana fossero arrivati in finale, all’uruguaiano sarebbe servito un po’ di riposo. Del resto, è il vero insostituibile del Barça. Nel senso che non ha una riserva e quindi…gioca sempre. L’arrivo di Boateng non è servito granchè e quindi il Pistolero è arrivato all’appuntamento estivo abbastanza…cotto. Forse non dal punto di vista fisico, ma certamente da quello mentale. Come dimostra la strana scena a cui hanno assistito gli spettatori della partita tra Uruguay e Cile.

MANO! – Suarez, preso dalla foga del gioco o semplicemente sovrappensiero, ha chiesto all’arbitro un calcio di rigore per fallo di mano. Fin qui tutto bene, anche se in teoria i giocatori dovrebbero pensare solamente a giocare e non cercare di influenzare il direttore di gara. Ma questa sarebbe una normale scena di dialettica calcistica, se non fosse che il fallo di mano…lo ha commesso il portiere. E Arias, che uscendo sul Pistolero spedisce la palla in corner, non è neanche al di fuori della sua area, dove potrebbe essere sanzionato. Anzi, è quasi nell’area piccola! Quindi il tocco di mano c’è, ma evidentemente…non è fallo. E come si vede dalle immagini, Suarez si è fatto anche una bella risata quando ha capito l’errore commesso.

ESPULSIONE – Ma la sfida contro il regolamento dell’attaccante del Barcellona non è finita lì. Nel secondo tempo, in campo è entrato un invasore, che, è il caso di dirlo, è stato cacciato a calci dal terreno di gioco. A fornire il metodo di persuasione è il cileno Gonzalo Jara, che allontana l’intruso, poi bloccato dalle forze dell’ordine. E Suarez cosa fa? Chiede l’espulsione del cileno per comportamento violento. Stavolta, secondo le normative Conmebol, ha decisamente ragione lui. Ma l’arbitro, il brasiliano Raphael Claus, ha deciso di non mostrare il cartellino rosso al calciatore della Roja. Per la disperazione del Pistolero, che cercava di rifarsi dopo la sconfitta del primo tempo da parte delle regole del gioco!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy