Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’Appunto

L’Appunto - immagine 1

Di Stefano Impallomeni. Il Monza di Berlusconi e Galliani in serie A. Idee e disponibilità economiche non mancano. Ci sarà da divertirsi.

Stefano Impallomeni

Qualcosa di straordinario e meritato. Il Monza per la prima volta nella sua storia è in serie A grazie alla regia sapiente e competente di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, la coppia inossidabile del Milan degli invincibili che ha regalato titoli in serie e rivoluzionato un mondo. Non è un sogno che si trasforma in realtà, ma una visione che si fa largo con la capacità di chi sa vedere e organizzare calcio. Un modo di vivere e di creare dal nulla, o quasi. Berlusconi dimostra per l'ennesima cosa significhi inventare capolavori e sfide, nonostante l'età, tra gioie e dolori. Un architetto del pensiero e del fare. Galliani idem. Nel calcio confuso e avaro di personaggi capaci, la promozione racconta come l'amicizia, la fedeltà di principi comuni, soprattutto calcistici e imprenditoriali, rappresenti un’unicità irresistibile. Un'impressione a caldo dopo il trionfo. Con Berlusconi il Monza non sarà una Longobarda alla buona che si accontenta di fare comparsate. Anzi dubitiamo che si tratti di una meteora. Del resto il presidente ha chiarito immediatamente le sue ambizioni a fine partita. Il Monza arriva in serie A con un anno in ritardo sul progetto e vuole vincere, perché Berlusconi è abituato a vincere. Ci sarà da divertirsi, conoscendo la sua passione e la sua competenza. La Serie A è lì e non solo dovrà essere confermata, ma onorata nel migliore dei modi e chissà poi cosa succederà. A fine partita si è parlato di Scudetto e Coppa dei Campioni. Idee e disponibilità economiche ci sono. Aspettiamo e vediamo, ma di sicuro la proprietà non lesinerà energie e impegni. Berlusconi e Galliani son tornati, più giovani e agguerriti che mai. Stay tuned!