Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’Appunto

L’Appunto - immagine 1

Di Stefano Impallomeni. Chiellini, 17 stagioni in bianconero. Forse non ci poteva essere momento migliore per salutarsi. Una storia grande la sua. Grande e semplice, come l'uomo.

Stefano Impallomeni

Chiellini, 17 minuti in campo, come 17 stagioni, sempre con la solita determinazione e concentrazione, lasciando la sua Juventus già in vantaggio. E con l'Allianz Stadium, il fortino di tante battaglie che si scioglie in un unico e meritato applauso unendosi idealmente in un grande, memorabile e commovente abbraccio.

Le vittorie sono nel suo destino e forse non ci poteva essere momento migliore per salutarsi, con la Juventus avanti nel punteggio, in una stagione avara e anomala specialmente per un tipo come lui capace, in carriera, di alzare 20 trofei tutti in esclusiva, da juventino doc. Giorgio Chiellini è un pezzo di storia non soltanto della Juventus, ma del nostro calcio. Lascia dietro di sé una storia grande, segnando un'era da leader e da numero uno. Non sarà facile rimpiazzarlo. E riempire questo vuoto sarà difficile da affrontare soprattutto per la Juventus, perché nessuno meglio di lui ha saputo incarnare un DNA che sembra svanito nel nulla e forse non replicabile nel breve periodo. Chiellini è stato un servitore fedele di una causa, campione vero del ruolo, comunicatore essenziale, molto incisivo e mai banale. La sua vita in bianconero è tutta racchiusa in una lettera d'addio che spiega meglio il tutto. Gioia. Serenità. Gratitudine. Tre parole significative, non scontate, indovinate e condivisibili. Tre parole, come il numero della sua maglia, che riassumono una personalità ben definita, equilibrata, matura. Tre sentimenti dinamici, in movimento, come i suoi prossimi viaggi da condividere con tutti. Ci mancherà un po', con quella faccia alla Bartali che trasmette fatica, sudore e conquiste. In fondo, questo significa essere Giorgio Chiellini: vincere superando sé stessi con impegno quotidiano e allenamento. Senza darsi arie, rispettando avversari e destini. Fino alla fine. Una storia grande la sua. Grande e semplice, come l'uomo.