Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

il post

L’Appunto

PARIS, FRANCE - SEPTEMBER 30:  Goalkeeper, Salvatore Sirigu of PSG gives his team mates instructions during the Group F UEFA Champions League match between Paris Saint-Germain v FC Barcelona held at Parc des Princes on September 30, 2014 in Paris, France.  (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Di Stefano Impallomeni. Non è carnevale, ma un bel martedì grasso in cui fioccano gol e spunti interessanti.

Stefano Impallomeni

Non siamo ancora a carnevale, ma è un bel martedì grasso in cui fioccano gol come coriandoli, con alcuni spunti interessanti. A Firenze, Italiano nel primo tempo si traveste da Klopp, senza che accusi il turn over. I sei cambi fatti rispetto a Genova si trasformano in cavalli potenti messi nel motore di una squadra che potrebbe lasciare un segno in questo campionato. La viola profuma di pressing, corsa e soprattutto gioco. Un'onda irresistibile, una vera secchiata di virtù che intimorisce l'Inter, brava a svegliarsi alla distanza. Nel secondo tempo, detta legge con la forza dei campioni. Dzeko, leader tecnico insostituibile, indica la rimonta segnando il secondo gol. Alla fine tre reti per i nerazzurri e tre punti d'oro.

Gasp ritrova la sua Dea, ma l'allenatore frena: per arrivare quarti sarà dura. Confermiamo, anche se tornano a rullare i meccanismi di un gioco connotato, come in passato. Segnano gli esterni, Gosens e Zappacosta. Non è un fatto casuale ma la causa di una vittoria, che fa rientrare in corsa una squadra attesa dalle sfide con Inter e Milan. Subito dopo ne sapremo qualcosa in più.

È la serata dei portieri. Bene Handanovic, altrove ancora meglio. Tra Bologna e Genoa vibrazioni con battaglia fino alla fine: quattro reti, due rigori, un rosso a Mihajlovic e colpi di testa con parate da urlo. Prima Skorupski su Destro, poi Sirigu su De Silvestri e infine ancora Sirigu su Soriano, all'ultimo secondo di una bella partita che finisce in pareggio. Sirigu, però, vince. Il duello con Skorupski è suo. Abbracci e pugni al cielo.