Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

L’Appunto

MILAN, ITALY - SEPTEMBER 25:  Head coach of FC Internazionale Simone Inzaghi reacts during the Serie A match between FC Internazionale and Atalanta BC at Stadio Giuseppe Meazza on September 25, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

Di Stefano Impallomeni. Se l'Inter è questa, Napoli e Milan devono preoccuparsi. I nerazzurri sembrano tornati quelli di prima. La Juve reagisce alla sua maniera a Cagliari.

Stefano Impallomeni

Se l'Inter è questa, Napoli e Milan devono preoccuparsi. Aggressione iniziale e poi gestione. Alla squadra di Inzaghi basta un tempo per schiantare il Verona. I nerazzurri sembrano tornati quelli di prima: ritmo, intensità, giocate e collettivo senza dimenticare la tecnica, fedele compagna per ripetersi dopo lo scorso anno. San Siro approva e applaude. Il tecnico può sorridere perché il gioco ha ripreso vita con i protagonisti. Perisic è onnipresente. Barella e Brozovic sono in crescita. La vittoria dello Stadium con la Juventus ha tolto ansia. E ora arrivano le verifiche nel rush finale a braccetto con un calendario amico. Fame scudetto nell'aria e segnale alle concorrenti.

La Juve reagisce alla sua maniera a Cagliari. Va sotto e poi ribalta, soffrendo il giusto. Dybala e Vlahovic confezionano i tre punti dopo prestazioni non esaltanti. È la prova provata che i grandi giocatori decidono anche quando non sono in giornata. Allegri è lucido: prima di decidere la sostituzione di Dybala vede una giocata dell’argentino dopo tanti errori e sospende il tempo del cambio ritardandolo. Sono tre punti pesanti che garantiscono una distanza più o meno considerevole dalla Roma. La sensazione della serata è che sia sempre più la Juventus di Cuadrado. Il colombiano è sempre dentro le partite, è il vero fantasista bianconero. A modo suo fiuta e rifinisce spesso soluzioni. Imprescindibile.

Da un'isola felice a un'altra che piange la fine di un club importante. Uno sguardo alla Premier e uno in Sicilia. Conte, osannato dai tifosi, sbanca il campo dell'Aston Villa. Poker non così facile, considerando la grande sofferenza del primo tempo. La seconda parte della partita è un piano inclinato verso una vittoria che consente al Tottenham di essere in zona Champions. Tre reti di Son, ma Kane fa un assist da sogno in occasione del terzo gol. Spalle alla porta, passaggio di trenta metri per l'inserimento del sudcoreano. Gli Spurs non erano quarti in classifica dai tempi di Pochettino. Sir Conte sugli scudi alla sua quarta vittoria consecutiva in campionato. Il Catania calcio è fallito. Ripartirà dai Dilettanti. Tanta amarezza e un grande in bocca al lupo per il ritorno nel grande calcio. Un'altra brutta pagina del nostro calcio pieno di promesse, povero di idee e avaro di riforme vere.