il post

L’Appunto

LA SPEZIA, ITALY - SEPTEMBER 25: Daniel Maldini of AC Milan celebrates the victory after  the Serie A match between Spezia Calcio and AC Milan at Stadio Alberto Picco on September 25, 2021 in La Spezia, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Di Stefano Impallomeni. A San Siro è spettacolo puro. La dinastia Maldini continua a lasciare il segno nel tempo. 4927 giorni dopo Paolo, ecco Daniel. Brahim Diaz è l'apriscatole imprescindibile di Pioli.

Stefano Impallomeni

La serie A non è poi così male grazie a Inter e Atalanta. Intensità, occasioni, tante emozioni fino all'ultimo secondo, senza esclusioni di colpi. Lo spot è di livello, da Champions. A San Siro è spettacolo puro con l'errore fatale dagli undici metri di Dimarco a pochi minuti dal termine. Senza Lautaro e Calhanoglu, entrambi sostituiti, tocca a lui: tiro e palla sulla traversa. Una probabile vittoria si trasforma in un pareggio. Poi, applausi da compagni e tifosi: nessun dramma. È l'altro fatto significativo della giornata, oltre il super spettacolo in campo. Nel post partita Dimarco si presenta ai microfoni con personalità. Tanta amarezza, ma è il modo giusto di superare la delusione. Interviste utili per conoscere uno stato d'animo, capire un perché, saperne di più e non come quelle fatte tra primo e secondo tempo, perché non raccontano granché. Soltanto pochi secondi affannati, tra domande e risposte, che non aggiungono nulla con i calciatori sotto sforzo che giustamente non vedono l'ora di rientrare negli spogliatoi.

La dinastia Maldini continua a lasciare il segno nel tempo. 4927 giorni dopo Paolo, ecco Daniel. Somiglianze impressionanti tra i due che in comune, a dispetto dei ruoli, hanno corsa e movenze molto simili. Rete bella e importante di Daniel, all'insegna del rossonero e di una causa che rappresenta una vera e propria missione di famiglia. Contro lo Spezia è un Milan a basso livello energetico. Gestione e amministrazione delle forze, in attesa dell'Atletico Madrid in Champions. Brahim Diaz è l'apriscatole imprescindibile: i suoi tre centri in campionato valgono nove punti. Aspettando Ibra e il miglior Giroud, la squadra di Pioli grazie allo spagnolo mantiene la sua statura di seria candidata al titolo.