Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Laporte, che sfortuna: convince Deschamps a convocarlo, ma poi…fa crack

Da tempo si fa un gran parlare delle mancate convocazioni di Laporte in nazionale. Il difensore aveva finalmente convinto Deschamps, ma ora... arriva l’infortunio. E sembra parecchio grave.

Redazione Il Posticipo

Nel corso della vita si possono avere diversi successi ma ci sono delle persone che sembrano essere colpite da una sorta di maledizione. Si pensi al povero Aymeric Laporte. Il giocatore del Manchester City può vantare diverse soddisfazioni: campionati vinti, stima dell’allenatore e degli appassionati di tutto il mondo. È infatti riconosciuto come uno dei migliori nel proprio ruolo (altrimenti non giocherebbe nel City di Guardiola) ma... in Nazionale non è mai stato convocato e lui non l’ha presa benissimo. Di recente, c’erano stati dei segnali di distensione e  Deschamps ha dichiarato di essere pronto a tenerlo in considerazione per le prossime partite della Francia. Di tutta risposta, il fato regala al difensore del City un grave infortunio.

POLEMICHE - E pensare che proprio per quanto riguarda la nazionale è stato al centro di una polemica piuttosto singolare: la Francia non lo voleva e... la Spagna sì, pur non potendo. Il difensore, qualche tempo fa, era passato all’offensiva dichiarando che Deschamps avesse qualche problema personale con lui e in molti, visto il talento del giocatore, ci avevano creduto. Avrà anche la concorrenza di Varane, Umtiti e tanti altri grandi centrali ma Laporte è Laporte.  Il difensore se l’era presa, ma Deschamps no. Così, il Ct francese ha riflettuto e ha deciso di convocarlo per i prossimi impegni, come riporta France Football.

CONVOCATO! - Laporte? Gioca in un grande club, ha un buon rendimento e chiamarlo mi è sembrato logico. Umtiti? È sempre difficile lasciare fuori qualcuno. Non dimentico cosa ha dato alla squadra. Ha avuto dei problemi fisici che sono stati risolti solo parzialmente". Messaggio chiaro. Laporte convocato per coprire Umtiti, reduce da un lungo stop. Due giorni di tempo per metabolizzare l’entusiasmo per la prima convocazione e... crack. Laporte lascia il Manchester City in barella nella partita contro il Brighton. Insomma, potrà anche avere una carriera invidiabile, al pari del talento, potrà avere tutto ciò che un difensore desidera ma... neanche stavolta indosserà la maglia blu con il galletto sul petto. E ora chi convocherà Deschamps?