Lapadula, addio Nazionale. Inseguirà il Mondiale 2022 con il Perù…

L’attaccante ha avviato le procedure per l’ottenimento della nazionalità peruviana presso il consolato italiano.

di Redazione Il Posticipo

Lapadula a disposizione della nazionale del Perù. Secondo quanto riportato  dall’expreso.com il ministro degli Esteri del paese andino, Mario López, ha confermato lunedì che l’attaccante ha avviato le procedure per l’ottenimento della nazionalità peruviana presso il consolato italiano. Una scelta assolutamente legittima, considerando che Lapadula è figlio di una donna peruviana.

NAZIONALE – Possibile che dietro questa scelta ci sia anche la voglia di giocare in nazionale. Da cittadino peruviano, infatti, l’attaccante del Benevento può essere convocato dal CT Galeca che potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi in vista delle prossime sfide di qualificazione ai mondiali del 2022. Lapadula ha indossato la maglia della nazionale italiana, ma in una sfida non valida per un torneo ufficiale. Precisamente, un amichevole con San Marino finita 8-0 con una tripletta. Primo e anche unico ricordo di Lapadula in azzurro. Mancini che ha già diversi attaccanti a disposizione, non è riuscito a ritagliarli uno spazio. Del resto nel modulo del CT c’è spazio solo per una prima punta, quindi per Lapadula, costretto a inseguire Immobile, Belotti e Caputo, lo spazio si riduce moltissimo.

PERU’ – Resta da capire cosa ne pensino in Perù dove gran parte della critica si era già spaccata ai tempi della Copa America, quando si era paventata una possibile convocazione e in parecchi avevano sostenuto la tesi che la scelta fosse un ripiego. Nel dubbio,  sono arrivate le parole di un “senatore”. Yoshimar Yotún, giocatore del Cruz Azul in Messico con 91 presenze in nazionale.  “Come dice il maestro Gareca, le porte della Nazionale sono aperte a tutti, quindi è il benvenuto. Purché venga con l’atteggiamento e la voglia di rappresentare il Paese e lasciare tutto in campo. L’ultima decisione spetta all’allenatore, noi proveremo, se sarà convocato, a farlo sentire a suo agio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy