Lampard su David Luiz: “Via perché non ha avuto garanzie: qui si compete per un posto in squadra”

Lampard su David Luiz: “Via perché non ha avuto garanzie: qui si compete per un posto in squadra”

Il brasiliano ha lasciato il Chelsea e il tecnico spiega il motivo della cessione, senza peli sulla lingua.

di Redazione Il Posticipo

Sarà pure allenatore da poco tempo, ma  Frank Lampard, ha già le idee su come gestire il Chelsea. Il neo tecnico ha intenzione di guidare la panchina così come ha guidato il centrocampo dei Blues nei suoi anni da calciatore: pugno di ferro, professionalità e chiarezza. Arriva, quindi, la spiegazione del motivo per cui David Luiz ha lasciato il Chelsea.

LAMPARD – “David è andato all’Arsenal. Adesso lo sappiamo tutti. Abbiamo avuto una conversazione molto onesta la scorsa settimana perché lo conosco molto bene, ed ha deciso di andare via”. Continua, poi, entrando nei dettagli: “Gioca in una zona del campo dove ho molta competizione, e continuerà ad esserci per tutto l’anno. Non ho uno, due o tre punti fermi, ho solo gente che deve competere per un posto”. Arriva, poi, il messaggio a tutta la squadra: “Tutti devono capire che il discorso vale per ogni posizione”. Non manca, però, l’infinita eleganza dell’ex numero 8, in linea con i suoi gesti tecnici da calciatore: “Il club ed io certamente auguriamo il meglio a David, è stato parte di noi per grandi traguardi”. 

COERENZA- Un addio comunque doveroso.  David Luiz, già aveva lasciato il Chelsea per poi ritornarci in un secondo momento, è uno degli uomini più importanti della storia recente del club, campione d’Europa con i Blues per ben tre volte (una Champions League, due Europa League). Però a Lampard è importato poco. Ed esce da trionfatore assoluto dopo il primo confronto con lo spogliatoio. Le versioni fra il tecnico e le parole del calciatore coincidono perfettamente. Chiarezza, competenza e coerenza. La sensazione è che Lampard abbia già i crismi del grandissimo tecnico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy