Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lampard, lettera al Chelsea. “Orgoglioso dei risultati, ho il rimpianto di non aver avuto tempo”

(Photo by Matthew Childs - Getty Images)

L'ormai ex tecnico dei blues ha rotto il silenzio

Redazione Il Posticipo

Lampard lascia il Chelsea con una lettera aperta. L'ormai ex tecnico del Chelsea ha rotto il silenzio dopo il suo esonero maturato al termine di un filotto negativo di risultati che hanno spinto i blues a metà classifica dopo i 200 milioni investiti sul mercato.

INEVITABILE - Un destino segnato. Una scelta inevitabile, sebbene dolorosa. quella della dirigenza. Del resto si parla di uno dei simboli dei blues. Scrivere la storia, però, non è bastato a cancellare un presente in cui il Chelsea, dopo essersi arrampicato in vetta, è rimasto vittima di una drammatica, sportivamente parlando, involuzione. Oltre al crollo in classifica, la scelta si lega anche alla mancata valorizzazione dei costosissimi gioielli giunti a Londra nella scorsa estate, hanno resto impossibile il proseguo del rapporto.

ADDIO - Lampard, come ormai consuetudine nel calcio 2.0 ha condiviso pensieri e sensazioni  sul web. Le sue parole sono rintracciabili sul suo profilo Instagram. "È stato un enorme privilegio e un onore allenare il Chelsea. Un club che è stato una parte importante della mia vita per così tanto tempo. In primo luogo, vorrei ringraziare i tifosi per l'incredibile supporto che ho ricevuto negli ultimi 18 mesi. Spero che sappiano cosa significa per me".

RISULTATI - Il tecnico lascia con una qualificazione in Champions difficile da pronosticare con una squadra formata in larga parte dai giovani e con un mercato bloccato. L'allenatore rivendica il risultato e difende il suo lavoro "Quando ho assunto questo ruolo ho capito la sfida che mi si prospettava. E in un momento difficile per la squadra di calcio. Sono orgoglioso dei risultati che abbiamo ottenuto. E sono orgoglioso dei giocatori dell'Academy che sono entrati nella prima squadra e si sono comportati così bene. Rappresentano il futuro del club. Ho il rimpianto di non aver avuto il tempo in questa stagione di portare avanti il ​​club e portarlo al livello successivo. Voglio ringraziare il signor Abramovich, il consiglio, i giocatori, il mio staff di allenatori e tutti nel club per il loro duro lavoro e dedizione, specialmente in questi tempi senza precedenti e impegnativi. Auguro alla squadra e al club ogni successo per il futuro".