Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lampard: “City e Liverpool restano lontane, ma possiamo colmare il divario”

L'allenatore ritiene che sia impensabile ridurre il divario tra Liverpool e Manchester City a breve, ma è certo che il club stia andando nella giusta direzione.

Redazione Il Posticipo

Lampard, il Chelsea e il futuro. Il tecnico dei blues ha parlato a Sky Sports delle prospettive della sua squadra nell'immediato futuro. Il Covid ha paralizzato la Premier e, con ogni probabilità, lascerà in eredità anche parecchie difficoltà sul mercato. Come riportato da Football London, l'allenatore ha spiegato con grande franchezza come il divario con City e Liverpool sia ancora da colmare.

AL LAVORO  - Il Chelsea è comunque al lavoro per costruire un presente competitivo e un domani vincente: "inutile girarci intorno, non voglio sparare alto anche perché penso che ciò che Liverpool e Manchester City hanno fatto nelle ultime stagioni sia molto chiaro. Sarei un po' sciocco ad affermare che colmeremo il divario molto rapidamente anche perché quei due club hanno lavorato sodo sul campo e sul mercato. Hanno acquistato ottimi giocatori e li hanno affidati a grandi allenatori".

COMPETITIVO - Difficile dunque immaginare un Chelsea immediatamente competitivo per il titolo. "Dobbiamo intraprendere un percorso simile al loro, creare un processo di crescita. Chiaramente non copiandolo, ma traendone ispirazione. Abbiamo diversi giovani di valore, supportati da calciatori esperti. Sappiamo dove e come intervenire nelle varie aree della squadra. Il futuro passa anche attraverso degli investimenti. E quanto accaduto condizionerà pesantemente il mercato".

PROSPETTIVE - Lampard ha spiegato quanto sia stato difficile pianificare la prossima finestra di mercato a causa dell'incertezza generata dal Coronavirus. "Senza una data programmata per la  Premier League e con la prossima finestra di trasferimento destinata a essere posticipata, è impossibile fare previsioni. Questo periodo, e ciò che sta accadendo nel mondo, ha reso molto difficile qualsiasi tipo di pianificazione, ma durante questa pausa mi sono convinto fortemente che stiamo andando nella giusta direzione". La ricetta è semplice. "Con i progressi e il lavoro quotidiano e portando giocatori in aree chiave possiamo colmare il divario".