Gli Spurs perdono terreno, ma ritrovano Lamela

Gli Spurs perdono terreno, ma ritrovano Lamela

Il Tottenham perde contro il Leicester e si allontana ulteriormente dalla vetta della classifica. Ma torna in campo dopo più di un anno Erik Lamela, che risponde presente con un assist alla chiamata di Pochettino.

di Redazione Il Posticipo

Non basta Harry Kane al Tottenham un po’ balbettante delle ultime settimane. Il Leicester per una sera si ricorda di essere il Leicester e, trascinato dagli antichi eroi Vardy e Mahrez, ferma di nuovo gli Spurs, già bloccati sul pareggio dal WBA nella giornata precedente. Tutto un altro Tottenham rispetto alla squadra scintillante e sicura di sè che si è vista lo scorso anno e, soprattutto, nelle partite di Champions League, dove gli inglesi rischiano di passare come primi nel girone che contiene il Real campione in carica. L’uragano Harry colpisce ancora, ma una reazione tardiva non basta alla squadra di Pochettino. Che ora è quinta, a ben 13 punti dal City e con una partita in più.

Dopo più di un anno, torna Lamela

Ma, in questo momento un po’ così e così, al Tottenham c’è anche una ragione per sorridere. Nel tabellino, oltre al cannoniere classe 1993, rientra dopo ben tredici mesi di assenza per un infortunio all’anca Erik Lamela. Per El Coco un quarto d’ora al posto di un Eriksen non all’altezza delle ultime prestazioni. Quanto basta all’argentino per riprendere confidenza con il campo a seguito di uno stop che sembrava poterne pregiudicare addirittura la carriera. Anzi, in realtà all’ex giallorosso sono bastati due minuti per far capire ai tifosi degli Spurs quanto la sua classe sia mancata alla squadra: palla ricevuta al limite dell’area da Llorente, passaggio telecomandato per Kane oltre la linea difensiva delle Foxes ed è subito due a uno.

Una lunga riabilitazione dopo un grave infortunio

E anche chi temeva un Lamela abbastanza spaventato al rientro deve ricredersi. L’argentino non si è sottratto ai contrasti, anzi, ha anche beccato un bel cartellino giallo per entrata fallosa su Iborra. Un ritorno in campo con tutti i crismi per un talento che al Tottenham sembrava potersi consacrare ma che, tra mancato adattamento iniziale ed infortuni vari, ha seriamente corso il rischio di finire nel dimenticatoio. L’anca lo ha tormentato fino all’inizio della stagione, poi c’è stato bisogno di un gran lavoro muscolare per rimettere in forma un calciatore che non calcava i campi da gioco dall’ottobre 2016. Ma tutto sembra essere andato per il verso giusto ed il Coco è pronto a riprendersi gli Spurs e, perchè no, anche la nazionale in vista di Russia 2018.

La concorrenza agli Spurs è tanta…

Trovare posto nell’undici titolare però non sarà semplice, perchè mentre Lamela languiva in infermeria, al Tottenham è emerso lo stratosferico talento di Dele Alli, mentre Eriksen, nonostante il passaggio al vuoto contro il Leicester, resta il faro degli Spurs. C’è di buono però che gli inglesi avranno molte partite in programma, perchè gli ottavi di Champions League sono già in cascina, il campionato è ancora lungo e la FA Cup deve ancora iniziare per le squadre di vertice. C’è tutta la possibilità per l’argentino di ricavarsi spazio in più di una competizione. Per riprendere un discorso iniziato ormai quattro anni fa e troppo spesso interrotto. Ma anche per farsi notare da chi può essere interessato a regalargli una maglia da titolare. Anche in Italia. Perchè nella vita non si sa mai…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy