L’Ajax su Twitter ai suoi ex del Tottenham: “Vi amiamo, ma vi combatteremo”

L’Ajax su Twitter ai suoi ex del Tottenham: “Vi amiamo, ma vi combatteremo”

Il profilo Twitter ufficiale dell’Ajax ha già lanciato il guanto di sfida al Tottenham e in particolare ai propri ex giocatori alla corte di Pochettino: “Vi amiamo ma vi combatteremo”. Sanchez, Vertonghen, Alderweireld ed Eriksen sono avvisati.

di Redazione Il Posticipo

Com’è che si dice? Uomo avvisato, mezzo salvato. Di solito le squadre di calcio preferiscono affrontarsi sul campo e lasciar parlare il tabellino, ma non mancano le occasioni in cui ci sono schermaglie tra due società sul procinto di sfidarsi. E che sia a mezzo stampa o via social network, il risultato non cambia: la partita e la battaglia di nervi iniziano prima, molto prima del fischio d’inizio. Specie se in una squadra giocano degli ex dell’altra, spesso si teme qualche dissapore, il famoso “gol dell’ex” o il “se segno (non) esulto” di rito. Nel caso specifico della semifinale di Champions League tra Tottenham e Ajax, ci pensano i Lancieri ad accendere l’atmosfera grazie a un post sui social network rivolto ai propri ex giocatori attualmente impiegati alla corte di Mauricio Pochettino.

IL POST –Vi amiamo ma vi combatteremo“. Il messaggio arriva sulla scia di una serie di Tweet che ricordavano a Toby Alderweireld, Jan Vertonghen, Christian Eriksen e Davinson Sanchez le proprie origini calcistiche, forse per instillare in loro un po’ di dovuta riverenza e un po’ di senso di colpa preventivo in caso dovessero mettere i bastoni tra le ruote alla loro nave scuola. Certo, questi ragazzi ne hanno fatta di strada da allora ma l’Ajax fa sapere loro che, con tutto l’amore del mondo, non ci sarà pietà per loro.

MA LA CHAMPIONS… – Vertonghen dal 2006 al 2010, Alderweireld dal 2008 al 2013, Eriksen dal 2009 al 2013 e Sanchez nella stagione 2016/2017, tutti loro hanno lottato per difendere la prestigiosa maglia che un tempo è stata portata da Johan Crujiff ed ora sono pronti a trovarsela di fronte sulla parte opposta del campo. Non sarà semplice, ma molto probabilmente il timore reverenziale nei confronti della propria vecchia casa sarà molto meno forte rispetto alla voglia di conquistare un pass per la finale del Wanda Metropolitano. Casomai, l’ostacolo più grande per i ragazzi del Tottenham cresciuti con l’Ajax sarà quello di tornare all’Amsterdam ArenA. Insomma: l’Ajax ha avvisato: ora, la parola va al campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy