L’agente di Thiago Silva attacca Leonardo: “Due mesi fa non lo voleva più, poi gli ha chiesto di rimanere, ma sarebbe stato umiliante”

Thiago Silva arriva a Londra, sponda Chelsea, ma ha dovuto dire addio a quella che per quasi un decennio è stata la “sua” città: Parigi. E dopo tanti anni assieme i saluti sono parecchio complicati. Ma anche…amari.

di Redazione Il Posticipo

Thiago Silva arriva a Londra, sponda Chelsea, ma ha dovuto dire addio a quella che per quasi un decennio è stata la “sua” città: Parigi. L’ex milanista è stato uno dei primi acquisti di grido della nuova proprietà del Paris Saint-Germain ed è diventato un vero e proprio simbolo dei capitolini. E non per nulla, la fascia da capitano nella finale di Champions League contro il Bayern Monaco, quella che finora è stata la partita più importante della storia del club, l’ha indossata lui. E visto come è terminata la notte di Lisbona, i saluti sono parecchio complicati. Ma anche…amari.

RIPENSAMENTO – A parlare a L’Equipe dell’addio del suo assistito è Paulo Tonietto, l’agente del brasiliano. Che per la prima volta spiega come è stata gestita la separazione tra i calciatore e il club. E a giudicare dalle sue dichiarazioni, non proprio come avrebbe voluto Thiago Silva: “Non sperava più di rimanere, perché Leonardo gli aveva detto già due mesi fa che non voleva prolungare il suo contratto. Ma martedì scorso Leonardo ha chiamato Thiago e ha sollevato la possibilità che potesse restare un altro anno. Thiago aveva già un accordo con il Chelsea, non poteva tornare indietro. Quando fai una proposta del genere, devi esserne convinto. Un direttore sportivo che dice a un giocatore che non lo vuole più e due mesi dopo vuole fargli un prolungamento, come lo giudichi?”.

UMILIANTE – Un attacco diretto all’ex DS del Milan, considerato l’unico responsabile della rottura. Anche perché l’allenatore secondo l’agente del calciatore lo avrebbe mantenuto in rosa più che volentieri. “Tuchel ha sempre voluto tenere Thiago. Quello che invece non voleva era Leonardo, ed è lui che ha il potere. Ecco perché, anche se non avesse firmato con il Chelsea, Thiago non vedeva come avrebbe potuto accettare l’offerta di Leonardo, visto quello che gli aveva detto due mesi prima. Sarebbe stato umiliante. Thiago Silva è stato colpito dal modo in cui ha lasciato il PSG e dall’atteggiamento di Leonardo”. Insomma, saluti non proprio cordiali tra il club e il calciatore. Peccato, perché la storia d’amore era stata bella e vincente…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy