calcio

L’Africa si gioca la storia: Senegal agli ottavi, le altre in corsa fra certezze, speranze e… vendette

L’Africa si gioca la storia: Senegal agli ottavi, le altre in corsa fra certezze, speranze e… vendette - immagine 1
Il Marocco può vincere il girone. Complicata, ma non impossibile, la situazione del Camerun e della Tunisia. I Leoni d'Africa sono feriti ma ancora in corsa. Il Ghana può eliminare l'Uruguay e vendicare il 2010.

Redazione Il Posticipo

Il calcio africano tenta l'appuntamento con la storia. Possibile en plein in vista degli ottavi di finale. Il Senegal ha già staccato il pass per il passaggio del girone ed attende le altre compagne di viaggio. Impresa a portata di mano per il Marocco, un po' più complicata per Tunisia e Camerun, mentre il Ghana ha il destino nelle sue mani.

A UN PASSO

—  

Il Marocco, dopo la straordinaria vittoria con il Belgio, è davvero a un passo dagli ottavi di finale. E sogna addirittura il primo posto nel girone. Hanno bisogno di un punto contro il Canada per essere certi di entrare nel tabellone finale ma potrebbero addirittura arrivare primi se il Belgio battesse la Croazia o se fossero capaci di centrare la vittoria segnando due gol in più rispetto alla finalista dell'edizione 2018.

VENDETTA

—  

Il Ghana ha il destino nelle proprie mani. Ha vinto con la Corea del Sud e gli è sufficiente un pareggio contro l'Uruguay qualora il Portogallo vincesse contro gli asiatici. Una vittoria contro l'Uruguay invece garantirebbe in qualsiasi caso il passaggio del turno. Una prospettiva che intriga e non poco le Black Stars: nel 2010 si fermarono a un passo dalle semifinali proprio contro i sudamericani che ebbero la meglio ai calci di rigore negando così al calcio africano la prima volta fra le prime quattro nella storia del continente.

COMPLICATO

—  

Complicata, ma non impossibile, la situazione del Camerun e della Tunisia. I Leoni d'Africa sono feriti ma ancora in corsa. Hanno bisogno di una vittoria con il Brasile e sperare che Serbia - Svizzera abbia un epilogo favorevole per la differenza reti generale che è la prima discriminante in caso di arrivo a pari punti. Discorso molto simile per la Tunisia che ha bisogno di vincere contro la Francia e sperare che Danimarca - Australia regali una sorpresa. In ogni caso, essere in corsa è già un successo.