Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La vendetta di Thiago Silva: “Al PSG cercavano sempre un colpevole dei fallimenti Champions e spesso ero io”

BIRMINGHAM, ENGLAND - MAY 23: Thiago Silva of Chelsea during the Premier League match between Aston Villa and Chelsea at Villa Park on May 23, 2021 in Birmingham, England. A limited number of fans will be allowed into Premier League stadiums as Coronavirus restrictions begin to ease in the UK following the COVID-19 pandemic. (Photo by Michael Steele/Getty Images)

Pazienza se il brasiliano è dovuto uscire per infortunio lasciando il posto a Christensen. L'importante è che i Blues abbiano vinto, in modo da potersi anche togliere...qualche sassolino dalla scarpa.

Redazione Il Posticipo

Uscire per infortunio nel match più importante dell'anno ed essere comunque felicissimi. È la storia di Thiago Silva, che proprio come Tuchel si ritrova a distanza di meno di un anno a giocarsi di nuovo la Champions League. Nella scorsa stagione a Lisbona era il capitano del Paris Saint-Germain e ha dovuto vedere il collega Neuer sollevare il trofeo. Stavolta la fascia non ce l'aveva, ma almeno il suo Chelsea ha portato a casa la coppa nella notte più importante. E pazienza se il brasiliano è dovuto uscire per infortunio lasciando il posto a Christensen. L'importante è che i Blues abbiano vinto, in modo da potersi anche togliere...qualche sassolino dalla scarpa.

PARIGI - E come dimostrano le dichiarazioni riportate da AS, il pensiero di Thiago Silva va subito al PSG. Dove il centrale ha lasciato tanti bei ricordi, ma con un finale di avventura un po' agrodolce. "A causa della pressione che avevamo al PSG per vincere la Champions, ogni volta che ci eliminavano tutti cercavano un colpevole e spesso ero io. Ed era brutto, perchè ho fatto di tutto per quella squadra, ma non sono mai riuscito a portare la Champions a Parigi. Spero che però possano realizzare questo sogno, ho lasciato molti amici da quelle parti. Ma il mio primo anno al Chelsea è stato speciale. Tuchel in sei mesi ha cambiato totalmente la mentalità della squadra".

 (Photo by Mark Robinson/Getty Images)

INFORTUNIO - Dunque, per una Champions si passa sopra anche a un infortunio. "Sono contento. Mi sono passate per la testa tante cose, uscire così presto per infortunio in una partita del genere è sempre complicato, ma non ce la facevo a stare in campo. A questo livello non puoi giocare se sei al 70%, devi essere al 110%. Non potevo rimanere in campo e correre rischi dopo tutto quello che abbiamo fatto per arrivare fin qui. Ma sono contento perchè la squadra è rimasta tranquilla, ha difeso bene, ha sofferto molto, ma contro il City è ovvio che succeda". E c'è tempo per pensare anche a Lampard, esonerato pochi mesi prima della grande vittoria. "È anche importante parlare di Lampard, senza di lui sarebbe stato difficile per il Chelsea acquistarmi. Voglio ringraziarlo per avermi fatto arrivare al Chelsea, oggi sono molto felice e spero che lo sia anche lui. Il futuro? Vedremo, non possiamo deciderlo adesso, bisogna pensare stagione per stagione per sapere esattamente come andranno le cose". Ma intanto, ci si gode la coppa.