Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La strategia di Mou per…far perdere la Premier 2014 al Liverpool: “Perdete tempo, sin dal primo minuto. E quando dovete riprendere il gioco, fate finta di litigare…”

Il 27 aprile 2014, Steven Gerrard perde il tempo a centrocampo e lascia che Demba Ba possa segnare il gol dello vantaggio del Chelsea ad Anfield, regalando di fatto il titolo al Manchester City. Tutto merito...di Josè Mourinho. Che, come racconta...

Redazione Il Posticipo

Sei anni fa, il 27 aprile 2014, c'è stato...lo scivolone più famoso della storia del calcio inglese. Quel giorno Steven Gerrard perde il tempo a centrocampo e lascia che Demba Ba possa segnare il gol vantaggio del Chelsea ad Anfield, regalando di fatto il titolo al Manchester City, che supera i Reds e non perderà più la vetta. Tutto merito...di Josè Mourinho. Il Chelsea in quella partita ha poco da giocarsi, ma come racconta Mark Schwarzer a BBC Radio 5Live, lo Special One era assolutamente intenzionato a far sì che la squadra di Rodgers non vincesse quel campionato. Al punto da arrivare all'utilizzo di metodi assai poco ortodossi...

RIVALI - "Avevamo giocato contro l'Atletico Madrid in Champions in mezzo alla settimana. E poi c'era questa partita importantissima contro il Liverpool, con in mezzo una rivalità enorme. Josè non voleva che il Liverpool vincesse il campionato, così come tutti noi nello spogliatoio. Dopo la partita di Madrid Mou non si sentiva bene, avevamo parecchi giocatori malandati e dovevamo giocare anche il ritorno, quindi ha deciso di lasciare fuori parecchi titolari, incluso Terry. E noi ci ritroviamo con Ivanovic al centro della difesa e con il debutto di Kalas in Premier League, ad Anfield, in una partita che il Liverpool deve vincere per forza".  Ci sono tutti i presupposti per una giornata complicata, ma è qui che esce fuori il piano di Mou...

CAMMINARE - "Dovevamo frustrarli. La riunione prepartita è durata sette-otto minuti, Josè non si sentiva benissimo, ma in pratica il messaggio è stato: 'Fateli arrabbiare. Il pubblico è tesissimo, fate sì che ogni giocatore sia emozionalmente a pezzi e vedrete che funzionerà. La giocheremo tutta così. Si apriranno e noi avremo possibilità'. E a me ha detto 'quando il pallone non è in gioco, che sia un rinvio dal fondo o una punizione, non correre. Cammina. Dal primo minuto. E non andarti a prendere il pallone. Quando te lo danno, mettilo giù, prendi la rincorsa e Ivanovic verrà da te a dirti che lo deve battere lui. Fate finta anche di litigare e poi lo fai battere a lui'. E abbiamo fatto così dal primo minuto". E ovviamente, funziona... "Il pubblico e i calciatori stavano impazzendo, immaginatevi la scena, non avevo mai visto Anfield così. Gli abbiamo rovinato la festa e ci siamo impegnati parecchio per farlo".