Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La strana storia di Tom Heaton: lo United fa debuttare in Champions un prodotto delle giovanili…di 35 anni!

MANCHESTER, ENGLAND - DECEMBER 08: Tom Heaton of Manchester United takes to the field during the UEFA Champions League group F match between Manchester United and BSC Young Boys at Old Trafford on December 08, 2021 in Manchester, England. (Photo by Gareth Copley/Getty Images)

Rangnick ha deciso di sottolineare lo spirito di appartenenza dei calciatori al Manchester United. Il tedesco nei suoi primi giorni da allenatore ha già fatto debuttare sei prodotti del vivaio. Peccato che uno...abbia 35 anni.

Redazione Il Posticipo

Di solito, quando si parla del debutto di un prodotto delle giovanili, si pensa a un giovanissimo, gettato nella mischia per necessità o per dare un giusto premio a un buon lavoro settimanale. Al Manchester United, poi, ne sanno qualcosa, perchè nel corso dei decenni sono stati tantissimi i calciatori cresciuti all'ombra di Old Trafford che poi hanno contribuito alle fortune del club. Anche al momento attuale, Ralf Rangnick ne può schierare qualcuno, senza dover per forza attingere alle giovanili: Rashford, Greenwood, McTominay, tutti ragazzi che hanno imparato a giocare a calcio allo United. Eppure, come ricorda il Mirror, il tedesco nei suoi primi giorni da allenatore ha già fatto debuttare altri sei prodotti del vivaio. Peccato che uno...abbia 35 anni.

GIOVANILI - Quando lo United ha preparato i cambi nella seconda metà del match contro lo Young Boys, molti si saranno preoccupati: perchè fare entrare il terzo portiere? Beh, perchè la storia di Tom Heaton non è una di quelle che si racconta tutti i giorni. Classe 1986, l'estremo difensore è nato nel Cheshire, ma dal 2002 al 2010 è stato un calciatore dello United, che lo ha portato dall'under-17 alla prima squadra. Peccato però che all'epoca le possibilità di scendere in campo fossero ancora più limitate, il che ha costretto Heaton a rimanere per ben cinque stagioni nella rosa di Sir Alex Ferguson, al massimo facendo qualche sporadica presenza in panchina o finendo in prestito per periodi più o meno lunghi fino al 2010, quando l'addio è stato definitivo.

RITORNO - La carriera ha poi portato Heaton in giro per l'Inghilterra e il Galles, fino all'occasione Burnley. Il club gli ha dato fiducia e quindi il portiere è stato il numero uno dei Clarets per quattro anni stagioni tra Championship e Premier League, per poi vedersi preferire il più giovane Nick Pope. Le buone prestazioni anche da dodicesimo, però, gli hanno permesso di trovare posto all'Aston Villa e poi, finalmente, di tornare a Old Trafford. All'inizio della stagione Solskjaer, che è stato suo compagno di squadra e poi suo allenatore, ha deciso di riportarlo a casa e di aggiungerlo alla lista dietro a De Gea e a Henderson. Ma probabilmente neanche lui avrebbe immaginato di debuttare finalmente, a 35 anni compiuti, con la squadra che lo ha fatto crescere e addirittura in Champions League. E il gesto di Rangnick è stato molto apprezzato, perchè dimostra un'attenzione ai dettagli e agli umori della piazza che non può che fare piacere!