Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La storia di Joaquin, tifoso del Real e proprietario del bar ritrovo dei tifosi colchoneros…

MADRID, SPAIN - MAY 12: Atletico Madrid fans arrive at the Estadio Wanda Metropolitano prior to the La Liga match between  Club Atletico de Madrid and Sevilla FC at Wanda Metropolitano on May 12, 2019 in Madrid, Spain. (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Quando l'Atletico Madrid si è trasferito allo stadio Wanda Metropolitano, migliaia di tifosi hanno dovuto dire addio ai loro bar intorno al Vicente Calderón e trovare un nuovo luogo di ristoro e svago...

Redazione Il Posticipo

Quando l'Atletico Madrid si è trasferito allo stadio Wanda Metropolitano, migliaia di tifosi hanno dovuto dire addio ai loro bar intorno al Vicente Calderón e trovare un nuovo luogo di ristoro e svago prima e dopo la partita. E la maggior parte si sono aggregati all'Akelarre, che, come riporta El Pais, ha una particolarità: il proprietario è un accanito tifoso del Real Madrid capace comunque di farsi amare e apprezzare dalla tifoseria colchoneros.

JOAQUIN - Il proprietario si chiama Joaquin, 70 anni.  E l'arrivo di una folta rappresentanza della tifoseria dell'Atletico non ha inciso in alcun modo sull'arredamento del locale. L'uomo è apprezzato per la sua coerenza. Intorno, altri esercizi, gestiti da tifosi madridisti, si sono  dotati di bandiere, distintivi e foto dell'Atletico. Lui no. Era ed è rimasto con indosso la maglia del Real e ha creato, accanto alle gigantografie dei suoi idoli, un angolo per i tifosi colchoneros che hanno scelto questo esercizio commerciale per celebrare il rito prepartita. La moglie di Joaquin è María José Molano, 66 anni, lavora in cucina, prepara montaditos (panini) grandi come un braccio ed è conosciuta da tutti come Mari. Ha pregato più volte il marito di non vestirsi da madridista per rispetto della clientela, ma sono gli stessi  colchoneros che chiedono di non togliersi la maglia del Real. E Joaquín non si è fatto pregare, indossando anche le pantofole del Real Madrid per camminare più comodamente.

APPREZZATI - Il bar è universalmente apprezzato. Quando i rojiblancos giocano in casa, l'incasso si aggira intorno ai 2.000 euro. "Chi mi avrebbe detto che l'Atlético de Madrid mi avrebbe dato da mangiare". Impossibile non sorridere. Del resto il successo dell'Akelarre è dovuto in parte alla atmosfera giocosa che lo caratterizza. Merito anche della presenza di Mari, tifosa dell'Atlético e la clientela si schiera dalla sua parte per irritare il marito. Goliardia che regna sovrana. Alcuni cercano di convincere Joaquín a posare con una bandiera biancorossa ma lui si nega. Dopo l'umiliante sconfitta del Real Madrid contro lo Sheriff, alcuni tigosi si sono presentati al bar travestiti con cappelli da cowboy e pistole. E così fra birre e panini con i calamari con porzioni particolarmente generose si consuma l'attesa. "E se l'Atlético vincerà, i tifosi torneranno per festeggiare nel post-partita, altimenti ci sarà sempre la clientela madrilena del quartiere".