La sincerità di Arteta: “Sarà strano giocare contro il City. Meglio affrontarlo con lo stadio vuoto”

Il tecnico dell’Arsenal affronta il “suo” Manchester City e spera di approfittare della particolarità della situazione

di Redazione Il Posticipo

La ripresa assumerà un carattere più che particolare per Arteta. Il tecnico dell’Arsenal affronterà il “suo” City all’Etihad. Allievo contro maestro. L’ex assistente di Guardiola ha affidato le sue sensazioni in vista della ripresa ai microfoni di Sky Sports raccontando anche come ha vissuto questo lungo periodo di inattività.

STRANO – Arteta ammette che la sfida gli esercita un certo effetto: “Sarà strano, non posso negarlo. Conosco tutti e ho trascorso quattro magnifici anni con i giocatori e lo staff. Sarò sicuramente molto emozionato, ma non vedo l’ora di ricominciare il campionato e tornare a fare ciò che amiamo di più che è giocare a calcio”. Sarà strano anche il nuovo modo di scendere in campo: “Abbiamo una buona pietra di paragone grazie a quanto abbiamo visto in Bundesliga”. Stadi vuoti compreso. “Certamente, il calcio è anche passione e la presenza del pubblico dà maggiore spinta ed energia. Se la perdi, la sfida è molto più equilibrata. Meglio affrontarlo con lo stadio vuoto, ma il City è comunque una grande squadra e sappiamo tutti cosa siano in grado di fare, quindi dobbiamo essere ben preparati per andare lì e vincere la partita. In ogni caso anche noi ci stiamo adattando anche per giocare in uno stadio vuoto e senza la spinta dei tifosi”.

ISOLAMENTO – Il tecnico ha quindi parlato anche del suo periodo di isolamento e poi di quello della squadra. “Ho stretto i rapporti con i giocatori. L’aspetto più importante, in questo periodo, è stato preservare l’aspetto psicologico perché sono stati costretti a subire una situazione molto particolare.  Il calcio è un mondo che ha una routine consolidata e i ragazzi  sono abituati a stare con le persone. Ho trascorso molto tempo a cercare di conoscerli meglio, trattarli individualmente e assicurarmi che si prendessero cura di loro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy