La signora Lewandowski blocca il trasferimento del marito al PSG? “Mai sentita una stupidaggine simile!”

La signora Lewandowski blocca il trasferimento del marito al PSG? “Mai sentita una stupidaggine simile!”

Chi porta i pantaloni a casa dei calciatori? In alcuni casi è evidentemente la signora. Sta succedendo la stessa cosa a casa Lewandowski? La signora Anna sta bloccando il possibile approdo di suo marito alla corte del Paris Saint-Germain? Il polacco…non apprezza le voci!

di Redazione Il Posticipo

Chi porta i pantaloni a casa dei calciatori? In alcuni casi è evidentemente la signora, come nei celeberrimi casi di Zidane o Shevchenko. Donne in grado di indirizzare le carriere dei mariti, accettando o rifiutando destinazioni di mercato più o meno apprezzate. La necessità della signora Veronique del sole di Madrid o la volontà di Kirsten di far imparare l’inglese ai piccoli di casa Sheva hanno portato a trasferimenti fino a quel momento inimmaginabili. Sta succedendo la stessa cosa a casa Lewandowski? Così suggerisce qualcuno, sostenendo che la signora Anna stia bloccando il possibile approdo di suo marito alla corte del Paris Saint-Germain.

PARIGI – Un’ipotesi che il polacco smentisce categoricamente, parlando con Telefoot, con l’emittente francese che gli ha chiesto qualche informazione in più al riguardo. Lewa si trasferirebbe a Parigi? E sua moglie si opporrebbe? “Sì, ho già avuto in carriera l’opportunità di firmare per squadre francesi. E no, non ho mai sentito qualcosa di più stupido. Il fatto che io possa o no andare a Parigi non ha niente a che fare con mia moglie. È una questione che dipende da molti fattori”. Quindi qualcosa di vero, almeno per quello che riguarda eventuali contatti con il PSG, c’è? Il bomber del Bayern potrebbe prendere il posto di Cavani?

FRANCESI – Se così fosse, non avrebbe certamente problemi ad imparare la lingua. Del resto all’Allianz Arena i francesi sono di casa… “Abbiamo tre francesi in squadra e io ho un rapporto fantastico con Ribery. Ha 35 o 36 anni, ma è un ragazzo divertentissimo e un gran professionista. Anche Coman è bravissimo e ha tantissimo potenziale, con la palla al piede è velocissimo. Tolisso è infortunato, ma ha sempre giocato bene”. Questi i tre francesi di ora. Ma ce ne sono due in arrivo. “Per quel che riguarda Pavard, ci ho già giocato contro e ha fatto un gran passo per la sua carriera. E conosco anche Hernandez. Prima c’erano un sacco di spagnoli, ora tocca ai francesi!”. Ma li vedrà a Monaco di Baviera…o a Parigi?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy