Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La “serrata” dei club di Premier: i calciatori possono andare ovunque, ma non al Newcastle

BOURNEMOUTH, ENGLAND - JANUARY 21:  Eddie Howe, manager of Bournemouth applauds his players during the Premier League match between AFC Bournemouth and Brighton & Hove Albion at Vitality Stadium on January 21, 2020 in Bournemouth, United Kingdom. (Photo by Dan Istitene/Getty Images)

Eddie Howe è convinto di poter salvare il Newcastle, ma l'obiettivo non sarà facile

Redazione Il Posticipo

Eddie Howe è convinto di poter salvare il Newcastle, ma l'obiettivo non sarà facile. Non solo per le difficoltà oggettive della squadra ma anche per la presa di posizione degli altri 19 club di Premier. "Ovunque, ma non al Newcastle". Non è un coro dei tifosi avversari, ma come riporta il Telegraph la linea dei club inglesi in vista del prossimo mercato. Una vera e propria serrata.

OPPOSIZIONE - Secondo quanto riportato dal quotidiano d'oltremanica, l'opposizione all'acquisizione del club è così radicata all'interno di alcuni club della Premier League a tal punto da spingerli a operare una politica "Chiunque tranne al Newcastle". Secondo fonti vicine al quotidiano, il Newcastle troverà enormi difficoltà nell'acquistare giocatori da alcuni club della Premier League a gennaio perché molti preferirebbero vederli retrocessi piuttosto che trattare con loro. Non è un mistero che diversi club siano preoccupati dal potere di acquisto del Newcastle. E partendo da questo presupposto, la tesi del Telegraph è che l'idea comune dei big (e non solo) sia cercare di spingere i magpies verso una retrocessione. Evento che rallenterebbe i piani del Newcastle di sfidare l'élite del calcio inglese.

SALVEZZA  - Sino a gennaio, fra l'altro, la strada per la salvezza potrebbe inasprirsi ulteriormente. Il Newcastle è l'unico club della Premier League a non aver ancora vinto una delle prime 11 partite ed è  penultimo della classifica. E dopo la sfida con il Brentford, dovrà affrontare Arsenal, Leicester City, Liverpool, City e United. Un percorso che non scoraggia il tecnico: "Il nostro obiettivo è evitare la retrocessione. Questo è il mio obiettivo principale. Tutto il resto può aspettare. Sono fiducioso. Possiamo rimanere in piedi. Senza promesse credo che abbiamo i giocatori per centrare la salvezza, ma ci vorranno lavoro, sacrificio e sofferenza. Per quanto concerne il mercato di gennaio, non è nei miei pensieri. Voglio tirare il meglio dai giocatori che abbiamo qui ora. Dobbiamo essere uniti come squadra di calcio da cima a fondo, è vitale per il nostro successo. Quindi, esorto le persone a non speculare troppo sul futuro. C'è una visione a lungo termine di ciò che facciamo, ma sarei sciocco a distogliere lo sguardo da ciò che è immediatamente davanti a me".