La rivincita di Tatarusanu fra gioia e ironia. “Nominatelo Premier”. “Una parata doveva pur farla…”

Il Milan si conferma bestia rosso… nera per il Toro che si arrende per la terza volta

di Redazione Il Posticipo

Il Torino e l’eliminazione in coppa Italia dal Milan. Un appuntamento quasi fisso per i granata.  Nella stagione 2016/2017 il Torino inizia la competizione entrando in gioco dal quarto turno. I granata devono vedersela contro il Pisa e rischiano seriamente di uscire dalla competizione. Sfida soffertissima nei 90′ regolamentari, poi alla lunga la resistenza dei toscani crolla. Al 120′ il risultato è di 4-0. La corsa si fermerà agli ottavi di finale, per mano del Milan.

2019/2020 – La scorsa edizione della Coppa Italia è stata caratterizzata dalla costante presenza dei supplementari. Il Toro li gioca ma non bastano contro il Genoa. E dopo aver pareggiato 1-1 negli ottavi di finale sono necessari i calci di rigore che sorridono ai granata. La corsa si interrompe nei quarti di finale contro il Milan al termine di una partita molto contestata. 4-2 per i rossoneri al 120′.

2020/2021 – Lo scorso anno erano stati sufficienti i supplementari. Questa volta sono serviti i calci di rigore, ma il risultato non cambia anche se il Torino se l’è giocata a testa altissima. Alla fine hanno ancora una volta la meglio i rossoneri. Decisiva la rete di Calhanoglu e la prodezza di Tatarusanu che riesce a intercettare la conclusione di Rincon. Una parata che gli vale il ringraziamento dei tifosi rossoneri che a lungo l’avevano etichettato come oggetto misterioso.

REAZIONI – A netto del risultato e di una prestazione non esattamente indimenticabili, la “torcida virtuale” si riversa sui social per esaltare non tanto la vittoria, quanto la mentalità di una squadra che anche dal dischetto ha mostrato freddezza e convinzione. E se anche quando non è una serata di quelle perfette si riesce comunque a portare a casa il risultato, significa che la stagione può regalare soddisfazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy