Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La rivelazione di Moggi su Zidane: “L’ho cacciato dallo spogliatoio, per fargli dire a Florentino che non lo avrei venduto. Così il Real ha capito…”

Alcuni affari di mercato entrano di diritto nella storia del calcio. Come quello che nel 2001 coinvolge Zinedine Zidane, che dalla Juventus passa al Real Madrid per 150 miliardi di lire. Un'operazione che Luciano Moggi porta a buon fine con un...

Redazione Il Posticipo

Alcuni affari di mercato entrano di diritto nella storia del calcio, soprattutto quelli che rendono un calciatore il più costoso della storia in quel momento. Nel 2001 questa distinzione è appartenuta a Zinedine Zidane, che dalla Juventus passa al Real Madrid. Per portare al Bernabeu il Pallone d'Oro 1998, il club di Florentino Perez è costretto a sborsare una cifra allora inaudita, 150 miliardi di lire. La Juventus ci ricostruisce la squadra, facendo diventare bianconeri Buffon, Nedved e Thuram, pilastri futuri della squadra di Lippi. Il Real invece con il francese ci guadagna nel presente (vincendo la Champions successiva) e nel futuro, considerando che anche da allenatore il transalpino se la cava bene.

ZIDANE - Ma l'affare che ha portato Zizou a Madrid rischiava di saltare. Parola di Luciano Moggi, all'epoca direttore sportivo della Juventus. In una diretta su Juventibus, Moggi ha spiegato che per far sì che il Real pagasse il francese quanto la società bianconera riteneva giusto, ha dovuto forzare la mano nei confronti del suo campionissimo. "Zidane è l'uomo che io ho cacciato fuori dallo spogliatoio dopo l'ultima partita con l’Atalanta in casa. Non è che l'ho mandato fuori perchè non aveva fatto quello che doveva fare, ma perchè continuava a dirmi di voler andare in Spagna. E io facevo finta di non assecondarlo. Quindi gli ho detto 'adesso tu te ne vai dallo spogliatoio', con un concetto: quello di riferire a Florentino Perez che io non lo volevo dare via".

PEREZ - Una mossa di mercato in piena regola, perchè Moggi sa benissimo che tenere in casa uno Zidane scontento non serve a nessuno. Ma il messaggio doveva passare e quindi arriva la cacciata di Zidane. Che però...funziona. "Così Perez ha capito il meccanismo e ha capito che per averlo doveva darmi una cifra che non aveva intenzione di darmi". Detto, fatto, perchè i Blancos sborsano il corrispettivo di 75 milioni di euro e portano a Madrid Zizou. Che alla Juventus, parola di Moggi, "poteva fare molto di più, perchè invece di 150 miliardi poteva farmene prendere 180". Per la serie, mai accontentarsi...