Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La rivelazione di Ferdinand: “Una volta in campo sono passato accanto a Rooney e Wayne mi ha detto ‘wow, puzzi di alcol'”

Vincere il campionato significa sempre molto per un calciatore e quindi è normale che dopo un titolo si festeggi molto. Persino gli allenatori, a volte, si fanno coinvolgere. E Rio Ferdinand ha spiegato...che è normale, aggiungendo anche un...

Redazione Il Posticipo

Vincere il campionato significa sempre molto per un calciatore e quindi è normale che dopo un titolo si festeggi molto. Persino gli allenatori, a volte, si fanno coinvolgere, come Klopp che ha raccontato che dopo la sua prima Bundesliga si è ubriacato a tal punto da risvegliarsi all'interno di un camion nel parcheggio del Westfalen Stadion senza ricordarsi minimamente come ci fosse arrivato. Ma nonostante fosse memore di questa avventura, il tedesco ha permesso ai suoi di divertirsi un po', come ha confermato Robertson nei giorni successivi alla conquista della Premier League. E Rio Ferdinand, ai microfoni di BTSport, ha spiegato...che è normale.

RELAX - Il Liverpool nelle ultime giornate ha perso (male) contro il Manchester City e ha pareggiato contro il Burnley in casa, perdendo così la possibilità di fare uno score perfetto ad Anfield in stagione, visto che finora le aveva vinte tutte. Ma l'ex difensore del Manchester United spiega che è assolutamente umano che i Reds non siano più la macchina da gol e da vittorie che erano quando il titolo era ancora in bilico. "Non c'è dubbio che ci sia anche una minima ripercussione quando vinci il campionato. A meno che tu dopo non abbia da giocare la Champions League, e non è il caso del Liverpool, normalmente ti rilassi e ti siedi un po'". Dunque, comprensibile.

"PUZZI" - E tanto per confermare la sua tesi, Ferdinand ricorda un finale di stagione ai tempi dello United in cui, dopo aver vinto matematicamente la Premier League, i giocatori di Ferguson si erano decisamente lasciati andare... "Mi ricordo una partita in cui sono passato di corsa accanto a Rooney e Wayne mi ha detto 'wow, puzzi di alcol'. E io gli ho risposto: 'sì, lo so, sono stato a festeggiare tutta la settimana'". Non proprio un comportamento da irreprensibili professionisti, ma certamente da essere umani. Lo stesso può valere per il Liverpool. Anche perchè se c'è qualcuno che proprio non può parlare al riguardo...quello è proprio Klopp!