La ricetta di Sarri per il nuovo De Ligt: chiacchierate faccia a faccia e…la dieta

Le prestazioni di De Ligt non sono sinora così simili a quelle a cui il difensore aveva abituato tutti con la maglia dell’Ajax. Questione di adattamento al campionato italiano, ma anche alla lingua…e alla dieta. Per fortuna che, da quanto riporta Mundo Deportivo, l’olandese ha un insegnante d’eccezione.

di Redazione Il Posticipo

Ronald Koeman, CT dell’Olanda, a inizio campionato era stato chiaro. “Se a ottobre De Ligt non sarà ancora titolare, dovrò capire cosa fare”. Le preoccupazioni di Rambo sono ormai sparite perchè, complice anche il grave infortunio di Chiellini, l’olandese ha giocato tre partite su quattro dopo la frase del suo commissario tecnico. Ma c’è ancora da lavorare sull’ex Ajax, perchè le prestazioni viste sinora non sono così simili a quelle a cui il difensore aveva abituato tutti con la maglia dell’Ajax. Questione di adattamento al campionato italiano, ma anche alla lingua…e alla dieta. Per fortuna che, da quanto riporta Mundo Deportivo, De Ligt ha un insegnante d’eccezione.

CHIACCHIERATE – L’olandese, a margine del The Best, ha infatti confermato che sta imparando la nostra lingua. E il quotidiano catalano racconta che a parlare con lui tutti i giorni…è lo stesso Sarri, che secondo la testata spagnola si ferma tutti i giorni a chiacchierare almeno mezz’ora con il difensore, soprattutto per quello che riguarda il posizionamento e per i contrasti. Mundo Deportivo spiega che il tecnico chiede a De Ligt di metterci più forza nell’uno contro uno. E che, come nel caso di Koulibaly nel primo Napoli di Sarri, non dovrebbe volerci molto affinchè il centrale arrivi a pieno regime, dopo un inizio di stagione non del tutto soddisfacente.

DIETA – E visto che il tecnico non lascia nulla al caso, il quotidiano catalano parla anche di un cambiamento nel regime alimentare del calciatore, rigidamente controllato da chi si occupa delle cucine bianconere. Occhio ai carboidrati e tante proteine, animali e vegetali, per vedere finalmente il vero De Ligt. Del resto, come dimostrato dai voti per il The Best, lo sponsor più importante dell’olandese si chiama Cristiano Ronaldo. Che, tra le tante caratteristiche che lo rendono unico, ha anche una certa attenzione alla sua forma fisica. E se il giovane Matthijs dovesse sgarrare con la dieta, avrebbe un cinque volte Pallone d’Oro pronto a rimproverarlo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy