La prudenza di Lenglet: “Meglio rimandare il Clasico, tanto non cambia nulla…”

La prudenza di Lenglet: “Meglio rimandare il Clasico, tanto non cambia nulla…”

Clasico rimandato e arrivano polemiche varie. Ora però bisogna fare i conti con la realtà. Un invito alla prudenza arriva da Clément Lenglet, difensore del Barça che cerca di spiegare che in fondo…non cambia nulla

di Redazione Il Posticipo

Il Clasico verrà rimandato e l’opinione pubblica, a prescindere dagli schieramenti, ha qualcosa da dire. C’è chi protesta perché politica e calcio devono rimanere divisi e quindi non è giusto che un campo subisca le influenze dell’altro. Poi, però, bisogna fare i conti con la realtà. E in questo senso, un invito alla prudenza arriva da Clément Lenglet, difensore del Barça che cerca di spiegare che in fondo: “Non cambia nulla”.

OPINIONI – Come riporta Sport, nel post-partita di Eibar-Barcellona, il calciatore ha rilasciato alcune dichiarazioni al di là delle parole di rito. “Ogni volta che veniamo qui è difficile vincere ma stavolta abbiamo fatto una gran partita”. Quindi dice la sua sul Clasico e su quanto sta accadendo in queste ore nella capitale della  Catalogna: “Non sono pienamente a conoscenza di questo argomento. Non vivo in  Catalogna da molto tempo, ma  posso dire che non mi piace la violenza. Non conosco l’intera questione di questa situazione, però a mio avviso, bisogna fare le cose per bene. E con i problemi che vive attualmente Barcellona è stato meglio rimandare la partita a un’altra data. Tutto qui”.

NON CAMBIA NULLA – Lenglet non si uniforma: ritiene che il cambio di data non pregiudica assolutamente nulla. “Non bisogna cercare scuse. Bisogna solo giocarlo. E che si giochi questo fine settimana o tra due mesi non cambia assolutamente nulla. Questa è la decisione presa dai dirigenti di Liga e la Federazione. Loro decidono, noi eseguiamo: è così che funziona”. Insomma, nessuna scusa, nessuna frase fatta. Solo tanta prudenza da parte di Clément Lenglet che in un clima piuttosto stressato cerca di riportare un po’ di calma.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy