calcio

La proposta della Federcalcio polacca: finestra di mercato per i calciatori che vogliono lasciare la Russia

LONDON, ENGLAND - FEBRUARY 27: Liverpool fans hold banners in support of Ukraine to indicate peace and sympathy with Ukraine prior to the Carabao Cup Final match between Chelsea and Liverpool at Wembley Stadium on February 27, 2022 in London, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Una finestra straordinaria di mercato per i calciatori russi e ucraini o militanti in squadre del campionato russo o ucraino che sono stati costretti o lo saranno a lasciare la Russia e l'Ucraina dopo lo scoppio della guerra.

Redazione Il Posticipo

Nuova proposta alla FIFA. Una finestra straordinaria di mercato per i calciatori russi e ucraini o militanti in squadre del campionato russo o ucraino che sono stati costretti, o lo saranno, a lasciare i due paesi dopo lo scoppio della guerra. Secondo quanto riportato dal Guardian, la Federcalcio polacca ha chiesto che ai giocatori in Russia e Ucraini che vogliono trasferirsi in un altro paese a causa dell'invasione dell'Ucraina dovrebbe essere concessa una riapertura di emergenza della finestra di mercato.

PRECEDENTI - Non sono mancati già i primi addii. Il difensore ucraino Yaroslav Rakitskyi ha lasciato lo Zenit San Pietroburgo e si prevede che altri giocatori seguiranno in altri club. Il polacco Grzegorz Krychowiak ha già espresso la sua speranza di poter lasciare il Krasnodar. Anche questa settimana il manager del Lokomotiv Mosca, Markus Gisdol, ha lasciato il suo ruolo , così come Daniel Farke, l'ex tecnico del Norwich che era da poco arrivato al Krasnodar.

LONDON, ENGLAND - FEBRUARY 27: Liverpool fans hold banners in support of Ukraine to indicate peace and sympathy with Ukraine prior to the Carabao Cup Final match between Chelsea and Liverpool at Wembley Stadium on February 27, 2022 in London, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

PROBLEMATICHE - La richiesta della Federcalcio Polacca si lega a problematiche legate anche alle squadre russe. Le sanzioni che hanno spinto sull'orlo del crollo il valore del rubo, così come il blocco imposto a diverse banche, rendono particolarmente difficile pagare gli stipendi dei giocatori, che hanno firmato. nella maggior parte dei casi, dei contratti comunemente concordati in euro. Alcuni calciatori di alto profilo rischiano dunque di poter vedere annullati i loro contratti, mentre un piano per riaprire la finestra vedrebbe tutti i giocatori a contratto data l'opportunità di negoziare accordi altrove.

CEFERIN -  "Sono stato al telefono per 48 ore con club e allenatori per farli uscire dall'Ucraina", ha detto Ceferin al Financial Times Business of Football Summit. “È difficile per me spiegare quanto fossero tristi quelle conversazioni. Uno dei giocatori che hanno lasciato l'Ucraina è venuto a casa mia, un altro è arrivato oggi. Mi hanno parlato dei loro figli e delle bombe esplose fuori casa. Sono orgoglioso della famiglia del calcio che ci siamo uniti per fare la nostra parte. La parte calcistica. È davvero difficile dire cosa accadrà domani, ma questa guerra dovrebbe finire, questa follia dovrebbe finire”.