La pazza stagione di Dolberg a Nizza: dallo sciopero per l’orologio rubato al gol che…ha ucciso il Monaco

Dopo neanche due mesi in rossonero, il danese aveva visto scomparire dall’armadietto negli spogliatoi il suo orologio da 70mila euro e aveva minacciato di non giocare se non fosse stato individuato il colpevole. Ma una volta risolto il caso, ha cominciato a segnare e i suoi gol hanno deciso la stagione del Nizza…e dei rivali!

di Redazione Il Posticipo

La storia di Kasper Dolberg a Nizza non era cominciata sotto i migliori auspici. Il danese, che per una stagione con la maglia dell’Ajax aveva fatto vedere grandi cose, salvo poi tornare nei binari della normalità, è arrivato in Costa Azzurra nell’estate 2019, il primo grande acquisto della nuova proprietà targata Ineos. Ma più che per i suoi gol, si era parlato di lui per un caso…penale. Dopo neanche due mesi in rossonero, il centravanti aveva visto scomparire dall’armadietto negli spogliatoi il suo orologio da 70mila euro. Non certo il miglior benvenuto possibile, al punto che l’attaccante aveva deciso di non giocare più se il club non si fosse messo d’impegno per capire chi avesse fatto sparire l’accessorio.

EUROPA LEAGUE – Poi il colpevole, la stella delle giovanili Lamine Diaby-Fadiga, è stato individuato e licenziato e il danese…ha cominciato a carburare. Una volta risolto il caso del furto, Dolberg ha iniziato a segnare con una certa regolarità e al termine della sua prima stagione in Ligue 1 può accontentarsi di 11 reti in 23 partite. Lo stop imposto dal governo gli impedirà di puntare quota 15, ma lo ha paradossalmente eletto…a eroe locale. Il congelamento della classifica e il calcolo delle posizioni attraverso la media punti premia infatti il Nizza, che è arrivato quinto e si giocherà quindi la prossima Europa League. Il tutto, in barba ai vicini di casa del Monaco, che finiscono fuori dalle coppe. Ed è tutto merito di Dolberg. Anzi, di un gol a tempo ampiamente scaduto.

KILLER – Senza il 2-1 che ha deciso l’ultimo turno di Ligue 1 disputato, proprio lo scontro diretto tra Nizza e monegaschi, il club rossonero sarebbe arrivato nono e quindi vedrebbe l’Europa da molto lontano. Ma in pieno recupero Dolberg ha segnato la sua seconda rete del match e dopo aver pareggiato il vantaggio del Monaco ha ribaltato totalmente la partita e la classifica. Chissà, se a Nizza avessero saputo quanto valeva quel gol, forse avrebbero festeggiato di più il centravanti. Ma i francesi si stanno rifacendo con gli interessi, riversandosi su Twitter a ringraziare il bomber. “Dolberg il Killer”, lo chiamano i tifosi. “Quel gol al novatatreesimo vale più di tre punti, più di una vittoria in un derby”, spiega qualcuno. Forse, anche più di un orologio da 70mila euro…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy