La nuova vita di Nigel De Jong: calcio in Qatar e…un concessionario di macchine di lusso

A quasi 36 anni il centrocampista è sparito dai radar del calcio che conta, ma non per questo ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo. Ma nel frattempo, visto che non di solo pallone vive l’uomo, ha anche trovato un’altra attività in cui impegnarsi.

di Redazione Il Posticipo

In Italia tutti se lo ricordano per i trascorsi con la maglia del Milan tra il 2012 e il 2016, quando era una delle pedine fondamentali del gioco di Max Allegri. Il mondo, invece, quando pensa a Nigel De Jong forse (anzi, di certo) ripensa all’intervento da kung-fu nei confronti di Xabi Alonso durante la finale della Coppa del Mondo 2010 in Sudafrica. A quasi 36 anni il centrocampista è sparito dai radar del calcio che conta, ma non per questo ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo. Ma nel frattempo, visto che non di solo pallone vive l’uomo, ha anche trovato un’altra attività in cui impegnarsi.

CARRIERA – Come racconta AS, De Jong è ancora un calciatore professionista, anche se non in un campionato di primissimo piano. L’olandese gioca nella Qatar Stars League, indossando la maglia dell’Al-Shahaniya. Per lui è la seconda esperienza in quel campionato, dopo aver già giocato con l’Al-Ahly. Dunque, un’altra esperienza fuori dall’Europa dopo una carriera che lo ha portato dalla sua Olanda (partendo dall’Ajax) alla Germania (Amburgo e Mainz), all’Inghilterra (Manchester City), all’Italia (Milan), alla Turchia (Galatasaray), ma anche in MLS con una militanza nei Los Angeles Galaxy prima che da quelle parti ci andasse a giocare Ibra. Un modo come un altro per chiudere la propria storia calcistica guadagnando cifre che altrove non otterrebbe.

CONCESSIONARIO – Ma siccome De Jong è anche laureato in economia e ha un certo fiuto per gli affari, ha un’attività collaterale anche di un certo successo. La Continental Cars è stata fondata nell’ormai lontano 2007 ed è il fiore all’occhiello degli investimenti dell’olandese. Che di belle macchine se ne intende e quindi ha in catalogo, tra le altre, Lamborghini Aventadors, Bentley Continental GT e GTCs, Wiesmanns, Maserati, ovviamente Ferrari e via discorrendo. Un mercato che tra l’altro anche negli stati della penisola arabica è parecchio ampio, con la sua notorietà che gli permetterà certamente di ottenere nuove commesse per la sua azienda. Insomma, un presente e un futuro rosei per l’ex rossonero. Che forse in campo non sfreccia, ma che con le sue macchine…lo fa eccome.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy