Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La notte fonda di Piqué: Orsato lo grazia, Koeman lo sostituisce, lui si infuria e la… Barça affonda

LISBON, PORTUGAL - SEPTEMBER 29: Gerard Pique of FC Barcelona walks off the pitch during the UEFA Champions League group E match between SL Benfica and FC Barcelona at Estadio da Luz on September 29, 2021 in Lisbon, Portugal. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Serataccia per il Barça, ultimo in classifica e con il morale a pezzi. 

Redazione Il Posticipo

Serataccia per Gerard Piqué. Il centrale del Barcellona vive trentatré minuti da incubo contro il Benfica. I padroni di casa passano in vantaggio e il capitano, dopo una prova non eccelsa, rischia di lasciare la squadra in dieci. Graziato da Orsato, non da Koeman che lo sostituisce per evitargli probabilmente guai peggiori ma riceve in... cambio solo una solenne arrabbiatura. E il Barça va a picco.

PERICOLOSO - Piqué è stato particolarmente falloso sin dalle prime battute della partita. Il primo giallo è arrivato dopo appena tredici minuti di gioco per un intervento molto duro su Yaremchuk. Intorno alla mezzora di gioco, arriva la potenziale azione da rosso che scatena le ire del Benfica. Rafa Silva, lanciato in contropiede, viene fermato con un intervento poco ortodosso. Quanto basta per meritare il secondo giallo che significherebbe lasciare in dieci i suoi.

GRAZIATO - Orsato, però, decide di graziarlo. L'arbitro italiano non solo non estrae il secondo cartellino, ma non ferma neanche il gioco e lo lascia continuare per circa due minuti. Ovvero sino a quando il pallone non esce dal rettangolo di gioco. E neanche allora il fischietto italiano ha ritenuto necessario intervenire avendo applicato la regola del vantaggio. Questa è l'interpretazione di Iturralde Gonzales, riportata da AS: "A velocità di gioco avevo pensato che questo fallo avrebbe potuto portare all'espulsione di Piqué per somma di ammonizioni. Rivedendolo ritengo che  Ordato gli perdona il secondo cartellino per applicare il vantaggio. È stato fortunato".

KOEMAN - Ordato lo lascia in campo. Koeman, invece, no. Il tecnico olandese decide di evitare guai peggiori. E così, dopo appena 33' di gioco, chiude anzitempo la serata del centrale. Scelta per certi versi comprensibile, considerando che Piqué era finito nell'occhio del ciclone mostrando anche un certo nervosismo, ma non affatto digerita dal diretto interessato che ha lasciato il campo visibilmente contrariato. A conti fatti, aveva ragione lui. A completare la serataccia, la rete di Rafa Silva che si incunea in una difesa che fa acqua da tutte le parti e concede anche un rigore. La notte di Champions diventa fonda per il Barça, ultimo in classifica e con il morale a pezzi.